Commenta

Due saturimetri
donati al ‘Maggiore’
da Ass. Bersaglieri e Sidev

Consegnati stamane in sala Polenghi due saturimetri al Pronto Soccorso del Maggiore, donati dalla sezione di Crema “Gen Ambrogio Agnesi” dell’Associazione Nazionale Bersaglieri e dalla Società Italiana di Dermatologia Veterinaria (Sidev), per il tramite del suo tesoriere dottor Massimo Beccati.
Nei mesi scorsi, particolarmente impegnativi per via dell’emergenza sanitaria, i bersaglieri cremaschi hanno vissuto profondo disagio, ha spiegato Mino Lunghi, segretario dell’Associazione. “Medici e personale infermieristico si sono trovati da soli ad affrontare l’emergenza e noi volevamo aiutare l’ospedale” ha detto Lunghi. Le strutture di volontariato del Corpo però erano distanti da Crema e l’età media degli associati, una cinquantina, il più anziano di 86 anni, non ha aiutato. Appena è stato possibile, nel ricordo del fondatore del Corpo, Gen. La Marmora, il sodalizio cremasco si è attivato attraverso una raccolta fondi, al fine di procedere alla donazione più cospicua degli ultimi 20 anni. Il Pronto Soccorso dell’ospedale ha comunicato la necessità di disporre di un particolare tipo di saturimetro, dotato di un sensore per la rilevazione della carbossiemoglobina e grazie alla generosità dei bersaglieri e della Sidev, oggi è stato possibile consegnare i saturimetri.
Dispositivi portatili. Nel saluto introduttivo il direttore sanitario Roberto Sfogliarini ha ringraziato per le donazioni di oggi, sottolineando l’abnegazione e l’impegno profuso da tutti gli operatori sanitari in questi mesi. I dispositivi sono stati consegnati al servizio di Pronto Soccorso rappresentato dalla capo sala Claudia Mantoan e dal primario Giovanni Viganò, che ha descritto il funzionamento di questo tipo di saturimetro portatile, maneggevole e utile, non solo per i soggetti interessati dal Covid, ma anche per la capacità di rilevazione della carbossiemoglobina, che permette l’esame del sangue istantaneamente, per diagnosticare rapidamente coloro i quali sono stati esposti a esalazioni da monossido di carbonio.
Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti