Commenta

Coronavirus, altri 11 casi
sul territorio ma zero decessi
21 i morti in Lombardia

Nessun morto e 11 nuovi contagi accertati in provincia di Cremona (6.482 in tutto) e ben 402 in Lombardia (89.928 il totale complessivo): numeri in rialzo, ma anche a fronte di un forte incremento del numero dei tamponi effettuati rispetto ai ieri, 19.389. L’incremento dunque è pari al 2,1% dei tamponi, in linea con le percentuali degli altri giorni (addirittura meglio di ieri quando era 2,5%). Cala il numero dei soggetti attualmente positivi: 19.853 (-471), mentre cresce il numero dei guariti (+752). Cala ancora il numero dei ricoverati in terapia intensiva (-5), che scendono a 120, mentre si registra un leggero incremento (+6) dei ricoverati in altri reparti, 2.960. Sono invece 21 le vittime, per un totale complessivo di 16.222. Nelle province lombarde chi va peggio sono Milano (+99), Brescia (+89) e Bergamo (+73).

“La ripresa delle attività e degli spostamenti non ha fermato la discesa di quegli indicatori che tuttavia, sebbene siano sempre in miglioramento, ci dicono che il virus sta continuando a circolare e che quindi si deve tenere alta la guardia” ha commentato Carlo Signorelli, professore di Igiene e Sanità pubblica all’Università Vita e Salute San Raffaele di Milano e all’Università di Parma, intervenuto nella tradizionale conferenza stampa di Regione Lombardia.

“Precauzioni come la mascherina e il distanziamento sociale sono quindi ancora fondamentali. Soprattutto considerando che in prossimità della stagione autunnale ci sarà qualche apprensione perché molte virosi respiratorie riprenderanno, ma se ci arriveremo preparati avremo tutti i mezzi per evitare la seconda ondata di contagi”.

IL CONTAGIO NEI COMUNI CREMONESI

© Riproduzione riservata
Commenti