Commenta

Morosità Erp, M5s:
'Quale recupero? Gennuso
ha fatto un autogol'

“Lascia un po’ sorpresi il fatto che l’Assessore Gennuso si vanti per una forte diminuzione della morosità relativa alle case popolari. Un tema, quello delle morosità ERP, che ha visto il M5S Cremasco molto attento in questi ultimi anni, esercitando una forte azione di pressione e sollecitazione nei confronti dell’Amministrazione, per far emergere e poter trovare una soluzione ad una situazione imbarazzante, per un Comune delle dimensioni di quello di Crema, ovvero una morosità legata alle case popolari che è arrivata a sfondare quota 600.000 euro. Quello della morosità è un ambito dove la giustizia sociale si intreccia con l’etica e per questo il M5S Cremasco continuerà a monitorare sempre con estrema attenzione questo dossier. È bene chiarire che la così forte riduzione della morosità rispetto all’anno precedente non è legata all’effettivo recupero degli affitti non pagati, ma da operazioni contabili.

Lo stesso sindaco Bonaldi durante l’ultimo Consiglio Comunale ha pubblicamente ed esplicitamente parlato di “incrostazioni” che dovevano essere sistemate da un punto di vista contabile e che questo non doveva affatto scandalizzare. Detto in altre parole, una così forte diminuzione della morosità dipende prevalentemente dal fatto che la prolungata inattività del Comune ha determinato la perdita del diritto a riscuotere gli affitti.

Sia chiaro: non ci scandalizza il fatto che siano state effettuate queste sistemazioni contabili (che nulla hanno a che fare con l’effettivo recupero della morosità), ma ci scandalizza che si faccia passare per recupero effettivo quello che recupero effettivo non è. Le “incrostazioni” a cui ha fatto riferimento il Sindaco Bonaldi si sono prevalentemente stratificate durante gli anni dei suoi mandati. Il Comune, in qualità di Soggetto proprietario delle unità abitative, negli anni non si è fatto parte attiva per impedire che il decorso del tempo provocasse  la perdita della legittimazione a pretendere quanto dovuto.

In particolare, l’Assessore Gennuso ha affermato che, da un lato, sono in atto interventi di riscossione coattiva e, dall’altro, che la non recuperabilità di altre somme è dovuta al prolungato decorso del tempo che ha impedito al Comune di pretendere gli affitti non pagati. Entrambe le situazioni mostrano tutta la loro gravità.

Sarebbe inoltre interessante capire anche quali sono le misure, annunciate, che saranno inserite nella prossima Convenzione con ALER, a cui sarà affidata ancora la gestione, proprio come ora, degli alloggi ERP di proprietà comunale. Misure annunciate per evitare di ripetere il picco dell’anno 2018. Già solo il fatto che abbiano dovuto correre ai ripari per inserire, tardivamente, nuove misure in convenzione per agire con più efficacia nel recupero delle morosità è indice del fatto che fino ad ora la gestione è stata assolutamente inadeguata. Valuteremo, senza alcun preconcetto, la bontà o meno di queste nuove misure.

Nel frattempo l’Assessore Gennuso e la Giunta comunale abbiano l’onestà intellettuale di affermare che è stata fatta una semplice operazione contabile, mettendo opportunamente  da parte ogni forma di ostentata ed inutile vanteria.

Fieri, come M5S Cremasco, di aver contribuito in maniera pesante a sollevare il coperchio di un pentolone che altrimenti sarebbe stato coperto ancora per molto tempo, continueremo a monitorare affinché la somma enorme, ancora attuale, di morosità possa essere recuperata in maniera concreta. Non vorremmo che anche gli attuali 460.000 euro si abbassassero ulteriormente solo per il fatto che nuovi debiti andranno in prescrizione”.

© Riproduzione riservata
Commenti