Commenta

Caso tamponi, interrogazione
di Degli Angeli: 'Pessima figura,
vogliamo risposte chiare'

Un’interrogazione con risposta scritta al presidente de Consiglio Regionale Alessandro Fermi a firma del consigliere regionale del Movimento 5 stelle Marco Degli Angeli che esprime dubbi sui tamponi eseguiti rispetto ai casi sospetti segnalati. “E’ l’ennesima richiesta di informazioni – spiega Degli Angeli -, che spero possa fornire risposte chiare in merito alla faccenda e al dubbioso operato di un sistema sanitario che, anziché tutelare gli interessi dei cittadini, sembra tutelare i propri interessi economici”.

L’interrogazione dell’espontente dei 5 stelle nasce dal report divulgato dal Fatto Quotidiano e riportato anche su CremonaOggi circa il basso numero di tamponi effettuati in Regione. In ATS Val Padana 145 su su 749 dal 4 al 17 maggio, addirittura 2 su 229 richieste tra il 18 e il 22 maggio. Un numero estremamente ridotto, che però la stessa ATS ha poi smentito con una nota ufficiale in cui afferma che “dall’8 maggio 2020 (giorno seguente all’entrata in vigore della DGR) al 22 maggio, i medici del territorio hanno notificato – tramite portale predisposto – alla nostra ATS 365 nuovi casi sospetti a fronte dei quali ATS ha già eseguito 354 tamponi”, ma anche che “ATS svolge mediamente, su tutto il territorio, tra i 1.000 e i 1.500 tamponi settimanali per il controllo delle guarigioni e per i soggetti che devono rientrare al lavoro” (qui l’articolo completo).

Numeri che divergono fortemente tra loro e su cui Degli Angeli vuole vedere chiaro: “Non bastavano le ormai note contraddizioni dell’assessore Gallera. Ora ci si mettono anche i numeri (del report, ndr), che se confermati costituirebbero l’ennesimo buco nell’acqua compiuto da regione Lombardia”. In merito alla questione casi Covid sospetti e i troppo pochi tamponi eseguiti, il consigliere pentastellato ha concluso: “L’ennesima pessima figura, è inammissibile soprattutto considerando che i tamponi e i test sono lo strumento diagnostico migliore non solo per tracciare un’empirica mappa del virus, ma soprattutto per prevenire in modo tempestivo una nuova diffusione del virus”.

© Riproduzione riservata
Commenti