Commenta

A Crema una storia di ingegno
e solidarietà: le visiere di
Flavio Paladin e Luca Bettinelli

Crema e i suoi cittadini si sono mobilitati da subito per sostenere il personale sanitario e chi opera al servizio della comunità. Tra i tanti cremaschi che si sono attivati per aiutare la collettività ci sono anche Flavio Paladin e Luca Bettinelli, che da qualche giorno stanno realizzando delle visiere paraocchi.

L’idea è venuta a Luca, fisioterapista al Fisiolab, per caso: “Ho notato un post su Facebook, condiviso da un’amica, di un gruppo di appassionati di informatica e stampa 3D, che invitava a rendersi utili. Ho chiesto a qualche contatto nella mia cerchia di amicizie e ho incontrato la disponibilità di Flavio e della Fresenius Medical Care SisTer”. 

Flavio, utilizzando il progetto pubblico di un ingegnere svedese (Erik Cederberg), ha impostato la propria stampante 3D e ha provato a realizzare qualche prototipo: “Luca mi ha chiamato lunedì mattina e siamo passati dal produrne una in 2 ore a cinquanta al giorno”, spiega.

150 sono già state distribuite a medici di base, volontari di Creoce Rossa e Croce Verde e protezione civile; e ancora alle farmacie e a un’impresa di pulizie che si occupa di sanificare queste ultime.

“Hanno un costo estremamente contenuto – racconta Flavio mentre la sua stampante continua a lavorare – circa 30 centesimi di euro. Io mi occupo di realizzare l’archetto cui si aggancia un foglio plastificato”. Il materiale viene acquistato da Fisiolab: “Volevo fare qualcosa di utile – continua Luca, che coordina la produzione – Ho chiesto all’Amministrazione se questa idea potesse aiutare chi continua a lavorare per gli altri e mi hanno detto di sì”.

Tutti volontari, tutti regalano tempo ed energie per mettere in campo azioni concrete. Come chi porta dolci e altri generi alimentari ai medici dell’ospedale Maggiore, chi si è offerto di fare la spesa agli anziani o ancora i volontari di Caritas e chi ha effettuato donazioni. Crema si è scoperta unita alla lotta contro il virus. L’augurio è che lo rimanga anche ad emergenza conclusa, perché, in fondo, la fratellanza allevia ed eleva.

Ambra Bellandi

Flavio Paladin

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti