Commenta

Pianalto di Romanengo: le
ass. chiedono sospensione
iniziative in attesa del C.d.S.

Il FAI, Italia Nostra e Wwf hanno chiesto alla Provincia di Cremona di sospendere cautelativamente l’iter del PAUR relativo al progetto di gestione produttiva dell’ATE a8 del Piano Cave Provinciale, relativamente al Pianalto di Romanengo. L’invito è dunque quello di attendere  il terzo parere del Consiglio di Stato, soprassedendo ad ogni determinazione che riguardi il destino del geosito.

La materia riguardo il Pianalto è stata rimandata dal Presidente della Repubblica al riesame del Consiglio di Stato, a cui le associazioni sopracitate hanno ricorso. Per questo si chiede la sospensione cautelativa di ogni iniziativa e procedura amministrativa e non riguardante il Pianalto e, per quanto riguarda il PAUR relativo all’ATE a8, la cancellazione della conferenza dei servizi convocata per il 25 aprile.

Le associazioni, inoltre, lamentano la scarsa sensibilità dell’Ente provinciale nei confronti dei ricorrenti che, anche nel caso di questa conferenze dei servizi, non sono stati convocati. “Eppure la delicatezza del problema è manifesta: due pronunce del Presidente della Repubblica, una terza attesa dal Consiglio di Stato, altri ricorsi pendenti presso il TAR della Lombardia (non per volontà delle Associazioni) e – spiegano – ciò nonostante, la Provincia marcia in un’unica direzione fingendo di non avvedersi di quanto accade, guardandosi dal sentire chi non ha denari ma buone ragioni”.

© Riproduzione riservata
Commenti