Commenta

A Castelleone il Covid-19
si porta via Anacleto Taino,
l'anima del 118

I volontari della Croce Verde di Castelleone piangono la scomparsa del loro presidente storico, Anacleto Taino, per oltre 20 anni alla guida dell’associazione. Grazie a lui ed alla sua grande determinazione, oggi il territorio tra Crema e Cremona può giovare della presenza del servizio di 118, con ambulanze attive 24 ore su 24. Volontari e dipendenti sono impegnati in prima linea contro il Covid-19, che, si è portato via, in pochi giorni, il loro presidente onorario. Taino non era più operativo dal 2012, anno in cui ha dovuto lasciare la sua amata divisa per raggiunti limiti d’età. Da allora, è stato socio onorario della Croce verde. La firma della convenzione con il 118 è stato il suo ultimo atto da presidente. A lui si devono anche la realizzazione della nuova sede in Largo del Volontariato 1 e l’affiliazione dell’associazione alla bandiera dell’Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze), che raggruppa oltre 90mila volontari su tutto il territorio nazionale. Era stato operativo anche in missioni internazionali, in Romania e nella ex Juvoslavia, per portare aiuti umanitari. In città era molto conosciuto, anche per il suo lavoro all’fficio anagrafe del Comune. “Non aveva un carattere facile”- scrive di lui Luca Dragoni, responsabile della Formazione dei Volontari e amico di Taino- “ma è proprio grazie al suo carisma che oggi la nostra è un’Associazione solida e stimata su tutto il territorio. Con lui se ne va un pezzo importante della nostra storia”. Messaggi di cordoglio sono giunti anche dall’Areu (Azienda Regionale dell’Emergenza e Urgenza), dai vertici di Anpas Lombardia e dalle altre Associazioni impegnate nel servizio di 118. Un ex volontario, oggi autista di automedica, lo ricorda così: “Anche tu non hai retto questa battaglia. Di te mi resta il ricordo di quel presidente che passava anche di notte per vedere se era tutto a posto per il 118. Ti ricordo con molta stima. Buon viaggio”. Taino lascia il fratello Piergiulio, la cognata Mariantonia e i nipoti Maximilian e Alessandro. La salma sarà cremata e le ceneri saranno tumulate nel cimitero cittadino.

La Croce Verde di Castelleone prosegue il proprio lavoro di aiuto ai cittadini. Lunedì hanno distribuito le mascherine chirurgiche nella zona del Santuario e martedì al domicilio e nelle frazione, dove si recheranno anche domani.

© Riproduzione riservata
Commenti