Commenta

Diocesi, tutte le disposizioni
a sacerdoti e fedeli per
l'emergenza Coronavirus

Secondo quanto comunicato dal vescovo Daniele Gianotti, in tutta la Diocesi di Crema sono sospese la messe – festive e feriali – e delle altre celebrazioni liturgiche o devozionali in tutte le chiese parrocchiali e non parrocchiali, nei santuari e nelle cappelle delle case di riposo e similari. Sono sospese anche tutte le iniziative comu­nitarie (incontri di preghiera, cammini di iniziazione cristiana, catechesi…) e chiusi gli oratori e i rispettivi bar e gli altri luoghi di ritrovo di pertinenza religiosa, fino a nuova disposizione.

Le chiese restano aperte, secondo il proprio orario, per la preghiera individuale. “Ricordo di togliere l’acqua benedetta dalle acquasantiere e chiedo ai sacerdoti, anche nei giorni feriali, di celebrare la Messa quotidiana a porte chiuse, pregando a nome di tutta la comunità, segnalando con il suono delle campane che l’Eucaristia è offerta per i vivi e i defunti. Anche nell’impossibilità della celebrazione pubblica, non deve venire meno la preghiera liturgica, che è sor­gente inesauribile di grazia per tutto il popolo di Dio”.

Il mercoledì delle Ceneri (domini, 26 febbraio) l’Eucarestia sarà celebrata in cattedrale, ma senza la partecipazione dei fedeli e verrà trasmessa in streaming. Per il primo giorno di Quaresima, 1 marzo, “i fedeli sono dispensati dall’obbligo del precetto fe­stivo e invitati a santificare la festa con un momento di preghiera personale o fami­liare e, se possibile, seguendo la S. Messa attraverso i mezzi di comunicazione. Raccomando in particolare (e non solo per la domenica) la preghiera della Liturgia delle Ore, che può essere reperita facilmente anche attraverso i siti web, e la pre­ghiera del S. Rosario”.

I sacerdoti dovranno asternersi dal celebrare la Penitenza in forma comunitaria ed effettuare le confessioni o nella navata della chiesa o nella sacrestia.

I funerali sono consentiti, ma con la sola partecipazione dei parenti stretti. Lo stesso vale per i battesimi o i matrimoni.

Sono sospesi tutti gli incontri pastorali e formativi in calendario, inclusa la Veglia di Quaresima in programma a Pianengo sabato sera 29 febbraio e i ritiri di Quaresima previsti per sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo. Gli uffici della Curia diocesana restano aperti negli orari consueti. Si chiede agli utenti di accedervi di persona solo per le pratiche più urgenti preferendo, quando possibile, il contatto tramite telefono o posta elettronica.

La Caritas informerà per quanto riguarda i servizi a livello diocesano e parrocchiale.

“Richiamo i sacerdoti all’osservanza di quanto disposto, senza cedere ad allarmismi e paure, ma aiutando con responsabilità le comunità ad affrontare questo momento delica­to. In particolare, come pastori, siamo chiamati in questo frangente a una sollecitudine speciale verso gli anziani, aiutandoli con equilibrio, nell’incontro personale, nella valuta­zione della situazione e nella gestione di legittimi dubbi e preoccupazioni. In quest’ottica rientra la visita a domicilio anche attraverso i ministri straordinari della Comunione (prendendo, ovviamente, le precauzioni indicate dalle autorità sanitarie) – ha dichiarato il vescovo – Per quanto sta in noi, aiutiamo anche gli anziani a stare in guardia nei confronti di possibili truffe ad opera di falso personale sanitario, facilitando, se il caso, l’informazio­ne alle forze dell’ordine. Alle disposizioni riportate qui sopra vorrei aggiungere alcune considerazioni di ordine più spirituale e pastorale: mi riservo di farlo nel Messaggio per la Quaresima, che tra­smetterò alla diocesi martedì 25 febbraio”.

Le disposizioni hanno validità sino al primo marzo incluso. Sulla base dell’evoluzione della situazione e di eventuali nuove o diver­se indicazioni delle autorità pubbliche, la diocesi comunicherà tempestivamente quanto necessario. “Ci affidiamo in modo speciale all’intercessione di san Pantaleone, Cremae amicus, protectio, medicamentum, perché aiuti noi e tutti a superare con fiducia questo momento di tribolazione. Benedico di cuore”.

© Riproduzione riservata
Commenti