Commenta

Il nuovo polo
scolastico a San
Bartolomeo si farà

Sono arrivati, direttamente dal Miur, i finanziamenti per la realizzazione di un nuovo complesso scolastico per la sede del Racchetti. Il polo, che verrà costruito in zona San Bartolomeo (nella parte sud della città), comprende anche la palestra. Il progetto rientra fra quelli vincitori del concorso ministeriale per realizzare le “Scuole innovative” e l’obiettivo è quello di realizzare un complesso scolastico che possa ospitare 1.300 studenti.

Un polo che sarà, appunto, innovativo, da un punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico, dell’efficienza energetica e della sicurezza strutturale e antisismica, caratterizzata dalla presenza di nuovi ambienti di apprendimento e dall’apertura al territorio. L’opera verrà finanziata e realizzata dall’INAIL che ne diventerà anche proprietario e le rate di ammortamento dell’investimento saranno a carico dello Stato.

A fine 2019 è arrivata l’anticipazione del finanziamento da parte del Miur, che ammonta a 11.750.000 euro, necessario per avviare la fase progettuale dell’intervento e si può ora pertanto procedere all’affidamento della progettazione. Con il nuovo complesso si potrà dare a Crema un assetto più definitivo delle sedi scolastiche, accorpando in un unico edificio le diverse sedi, riducendo sensibilmente le locazioni e riconsegnando al Comune uno stabile scolastico in centro alla città per le scuole di primo grado.

Resta ora da capire come ‘smistare’ i vari corsi, perché Scienze Umane e Les (ex magistrali) – prima appartenenti al Racchetti – sono ora accorpate al Munari. La sede di Largo Falcone e Borsellino, però, dovrebbe essere utilizzata per ospitare i ragazzi della media Vailati, in quanto l’edificio attuale non risponde più alle esigenze della scuola e andrebbe adeguato in toto.

L’ipotesi più accreditata è dunque quella di spostare i ragazzi delle superiori nel nuovo polo. Il quesito che resta è che fine faranno gli attuali immobili di via Stazione, di proprietà della Provincia. Il problema non si pone invece per la sede del liceo Linguistico, per la quale l’Ente paga un canone d’affitto.

ab

© Riproduzione riservata
Commenti