Commenta

Omicidi in famiglia,
in provincia 23 in 18 anni
Lombardia maglia nera

Sono stati 26 gli omicidi in famiglia verificatisi tra il 2000 e il 2018 in provincia di Cremona. Un numero importante quello rilevato dall’Eures, Istituto Ricerche Economiche e Sociali, che nel mese di dicembre ha stilato un’indagine istituzionale sul tema. Numero che ricalca comunque quello della Regione, che risulta essere quella con il maggior numero dei delitti in famiglia: sono stati 569, il 16% del totale nazionale. Di questi, 29 nel solo 2018, anno in cui nel territorio lombardo si è concentrato il 16,8% delle vittime di omicidi in famiglia con un aumento rispetto al 2017 (26 vittime). Seguono la Sicilia (16 vittime nel 2018 e 322 nell’intero periodo 2000-2028), il Lazio (17 vittime nel 2018 e 307 nell’intero periodo) e la Campania (rispettivamente 17 e 300 vittime).

La tipologia più diffusa in questo tipo di delitto è quella di coppia: 14 sono stati, in provincia di Cremona, i casi di omicidio del partner. Segue, in ordine di numero, l’uccisione di un figlio: sei i delitti di questo tipo. Chi ha ucciso familiari e parenti tra il 2000 e il 2018, nel nostro territorio, ha scelto principalmente lo strangolamento o l’arma da taglio (6 casi per entrambe le tipologie), e l’arma da fuoco (5 casi).

Guardando agli ultimi anni, se il 2017 si è chiuso senza omicidi tra parenti, sono stati invece 3 in tutto quelli registrati nel 2018: il duplice omicidio del 24 gennaio, quando un cinese aveva ammazzato con un’accetta la moglie e il figlio di un’amica che era ospite da loro, e il delitto consumatosi nel mese di luglio, quando un uomo aveva freddato il nuovo compagno della ex moglie.

Guardando la tabella regionale, emerge che nella nostra provincia si sono consumati il 4% dei delitti della Regione. Dato uguale a quello di Mantova. La città dove si ammazzano più parenti è invece Milano, che ha il primato del 39,5%, seguita da Brescia con il 13%. In coda alla classifica ci sono Lodi e Sondrio, dove si sono consumati soltanto l’1,8% dei delitti.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti