Commenta

Dopo 250 anni tornano i lupi
in Pianura Padana: dopo Lodi
potrebbe toccare al Cremasco

Dopo 250 anni i lupi tornano in Pianura Padana. Nel lodigiano ne era stato avvistato uno a metà novembre; pochi giorni fa, un branco di 6 esemplari è stato ripreso in capagna, nella zona di Turano Lodigiano vicino al fiume. Anche Repubblica, ieri, ha riportato la notizia.

l di là del fascino di questi animali, tra gli allevatori è scattato l’allarme a causa della razzia di oche. Alla cascina Graffamellino di Mairago ne hanno predate sei, in piena notte. “Nessun dubbio”, ha dichiarato Riccardo Groppali, presidente del Parco Adda Sud. Si tratta di lupi: troppo alti e troppo grossi per essere confusi con delle volpi.

Secondo la spiegazione di Groppali i lupi avrebbero seguito i cinghiali, che da tempo si sono spostati in Pianura, sistemandosi nei pressi delle golene dei fiumi in aree abbandonate dagli agricoltori. Un esemplare era stato ripescato – in ipotermia – nel Naviglio qualche tempo fa. Un’altra è stata salvata nel bresciano. Curati entrambi da un centro specializzato del Piacentino, sono stati muniti di un collare-radar al fine di seguire i loro spostamenti. Grazie a questo si è potuto evincere che il canis lupus riesce a superare fiumi e autostrade, come spiega Willy Reggioni del Wolf Apennine Center: “La femmina ha raggiunto (superando la A4, il Po e l’autostrada del Sole) un branco nel reggiano”.

Altre coppie si sono fermate in pianura, ingolositi dai sempre più numerosi cinghiali e caprioli e, pian piano, si spostano anche verso la Bassa cremonese. Nessun allarmismo, anche perché il lupo è schivo e sfugge l’uomo, “ma questo spostamento rischia di abituarli alla presenza umana e questo problema va gestito” prosegue Reggioni. All’opposto la loro presenza va tutelata per evitare che le lobby dei cacciattori chiedano e ottengano l’abbattimento di questi animali.

Il consiglio per gli abitanti di queste zone è di non nutrire gli esemplari, tenere i cani chiusi chiusi nei box e sfruttare tutte le agevolazioni esistenti come recinti elettrici per pecore e capre.

 

ab

© Riproduzione riservata
Commenti

Direttore
Mario Silla
direttore@cremonaoggi.it

Redazione
via Bastida 16 – 26100 Cremona
redazione@cremaoggi.it

Telefono Centralino
0372 8056

Telefono redazione
0372 805674/805675/805666
Fax 0372 080169

Pubblicità
Tel 0372 8056
pubbli@cremonaoggi.it

Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

Created by Dueper Design