Commenta

Pitzalis e Lucarelli incontrano
gli studenti per diffondere
'La cultura del rispetto'

Ascoltare una storia spesso è più coinvolgente che sentir parlare di un problema. E’ quello che fa, da anni, Valentina Pitzalis, 34enne sarda data letteralmente alle fiamme nel 2011 da suo marito, l’uomo che diceva di amarla. La giovane era già stata a Crema nel 2018, ospite del Rotary San Marco, per presentare il suo libro “Nessuno può toglierti il sorriso” scritto a quattro mani con Giusy Laganà (National director di ‘Fare x bene Onlus’).

Questa mattina Valentina è tornata in città, insieme alla giornalista e blogger Selvaggia Lucarelli, per raccontare ancora la propria storia all’evento ‘La cultura del rispetto’, davanti ad una sala Da Cemmo gremita di studenti delle scuole superiori di Crema.

Durante l’incontro è intervenuta anche Lorenza Branchi della Pallacanestro Crema, la squadra maschile di basket che milita in serie B e che da anni ha rinunciato al main sponsor per portare sulla maglia un messaggio importante: “No alla violenza contro le donne”.

L’evento è teso a diffondere la cultura del rispetto, della parità di genere e a educare le nuove generazioni alla sensibilizzazione delle differenze, prevenendo così ogni forma di stereotipo. Il progetto è frutto della collaborazione tra FareXBene Onlus, Pallacanestro Crema e Rete Con-Tatto.

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne (25 novembre), in città si svolgeranno diverse insiziative. Qui il calendario completo. 

Ambra Bellandi

Lorenza Branchi e i giocatori della Pallacanestro Crema

Laganà, Pitzalis e Lucarelli

Gli studenti in sala Da Cemmo

© Riproduzione riservata
Commenti