Commenta

Al via il corso Its in Cosmesi
all'università di Crema:
'Giornata storica'

Questa mattina alle 8.30 ha preso avvio il corso di Tecnico Superiore per le Produzioni Cosmetiche 4.0 nei locali dell’università di Crema. Una giornata  storica che segna il punto di svolta per Crema, da oggi punto di riferimento per chiunque voglia accedere al comparto mediante un percorso di formazione di qualità a 360° sul settore cosmetico e i suoi molteplici prodotti.

Nel laboratorio di informatica si è metaforicamente tagliato il nastro rosso dell’inaugurazione del corso. Da queste aule, alla fine del biennio formativo, usciranno i primi allievi in possesso del “Diploma di tecnico Superiore” con validità in tutta Europa e corrisponde al V° (e più alto) livello del Quadro Europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente. Saranno loro la nuova linfa per un comparto che, proprio perchè in crescita costante, ha più volte manifestato l’esigenza di arruolare nuova forza lavoro formata con competenze tecniche e specialistiche per poter operare fin da subito a 360° nel settore della cosmesi.

All’inaugurazione hanno preso parte i partner di progetto Stefania Bonaldi, Sindaco di Crema e Presidente di ACSU Associazione Cremasca Studi Universitari, insieme a Giuseppe Nardiello, Presidente della Fondazione ITS Nuove Tecnologie della Vita, Renato Ancorotti, Presidente di Cosmetica Italia, Davide Pagliarini, Vice Preside del Galilei di Crema, Maria Grazia Cappelli, Segretario Generale della Camera di Commercio di Cremona e Ilaria Massari, Direttore di REI – Reindustria Innovazione.

“Siamo molto orgogliosi – ha dichiarato il sindaco Bonaldi – Era una scommessa per interpretare le esigenze di un territorio, ma non solo”. Ancorotti ha spiegato ai ragazzi che il settore “ha bisogno di supertecnici che entrino nelle aziende con un linguaggio cosmetico a 360 gradi. Sono certo che da qui usciranno giovani preparati per poter essere un domani dei nuovi occupati”.

Grande l’entusiasmo e la curiosità degli allievi per il “primo giorno di scuola” che li vede protagonisti e pionieri di un corso unico. Dopo aver preso familiarità con gli spazi, eccoli calarsi immediatamente nella parte per l’avvio della didattica propedeutica al riallineamento delle competenze in ingresso: tre ore di informatica, una di chimica organica e due di inglese, per inquadrare fin da subito l’impronta tecnica e multidisciplinare del corso.

L’Ateneo di via Bramente riconferma al giro di boa di questa giornata memorabile la sua naturale vocazione all’eccellenza formativa, gettando un ponte tra il passato e il futuro.

© Riproduzione riservata
Commenti