Commenta

Maltempo, nuova tromba
d'aria: case scoperchiate tra
Genivolta e Casaletto Vaprio

Una vera e propria tromba d’aria, di nuovo, quella che ha investito il territorio cremonese sul versante cremasco, da Genivolta a Casaletto Vaprio, passando per Crema. Una vera e propria ondata di maltempo iniziata nella serata di domenica, che oltre ad allagamenti ha provocato caduta di piante e scoperchiamento di tetti. Decine le chiamate ai centralini dei Vigili del Fuoco.

In particolare, a Genivolta il tetto di una carrozzeria è letteralmente volato via, così come sono stati scoperchiati due tetti di abitazioni in una via diCasaletto Vaprio. A Crema i problemi hanno invece riguardato solo l’allagamento del sottopasso di San Bernardino, che è stato velocemente ripristinato ed è ora percorribile. Ma non sono mancati anche casi di piante sradicate, un po’ in tutta la zona colpita dal maltempo. Nel corso della nottata il Gruppo di Protezione Civile ‘Lo Sparviere’ ha costantemente monitorato la situazione, con particolare attenzione al livello del fiume Serio e dei ponti.

Come da previsioni, il fenomeno temporalesco di questa mattina, fra le 6 e le 7 è stato molto intenso. Anche per questo prosegue il monitoraggio del fiume: il livello è attualmente sotto controllo, ma agli idrometri a monte si registra un notevole incremento che fa supporre una ondata di piena nelle prime ore del pomeriggio. Non si prevede di raggiungere tuttavia il livello di guardia registrato nell’ottobre 2018. Il vero motivo di attenzione è rivolto a possibili detriti, in particolare tronchi d’albero, che potrebbero essere rimasti in prossimità dell’alveo a seguito dei fenomeni meteo della scorsa estate, e creare ingombro presso i ponti.

© Riproduzione riservata
Commenti