Commenta

Tour della Giunta nei
quartieri di Crema:
focus sul sociale

Con la visita al quartiere di Santa Maria, presso l’oratorio parrocchiale, inizia domani il tour nei quartieri della città seguendo le varie zone sociali cittadine. Vengono così ripercorse le stesse tappe già raggiunte nel 2016, per poter verificare lo stato delle varie progettualità attive nei quartieri, valutare le risorse presenti ed eventualmente stanziarne di nuove, incontrare le reti formali e informali protagoniste del lavoro di comunità, che si interfacciano quotidianamente con il servizio sociale comunale.

Una decina di appuntamenti, che iniziano all’oratorio di Santa Maria – quartiere che fa parte della “Zona 3”, insieme a Santo Stefano – e proseguiranno fino al 28 novembre, attraversando le zone in cui da qualche anno è divisa la città per l’azione sociale, seguendo più o meno il medesimo schema: un saluto del sindaco e della giunta, con particolare riferimento alla motivazione dell’incontro, un intervento degli operatori delle zone sociali rispetto al lavoro avviato nel quartiere, i progetti in essere e le prospettive di lavoro in ottica comunitaria, i punti di forza e quelli di criticità, e infine un confronto aperto con i partecipanti. Che potrà toccare ovviamente non solo gli aspetti sociali, ma le problematiche del quartiere a tutto campo.

L’amministrazione comunale torna nei quartieri perché essi sono il cuore della città ed è necessario fare il punto sul lavoro messo in campo dal settore sociale in collaborazione con le numerose realtà attive in ogni zona”, commenta il sindaco, Stefania Bonaldi. “L’obiettivo di questi incontri è intanto quello di ringraziare le tantissime realtà e reti, formali e informali, che con noi sul territorio si impegnano per migliorare la vita delle persone e costruire legami significativi e di valore. Poi, ovviamente, si tratta di prendere atto delle tante progettualità in essere, così come delle specifiche criticità, sul piano sociale, educativo e della civile convivenza, che ciascun quartiere può registrare. La città non è un monolite, lo sappiamo, ogni zona ha le sue peculiarità e caratteristiche ed i problemi del quartiere di Crema Nuova, ad esempio, non sono quelli di Ombriano, perché le caratteristiche sociali e demografiche sono diverse, diverso è l’accesso ai servizi, differente la presenza del terzo settore e delle reti di volontariato. Il tour diventa quindi occasione per un ringraziamento ed un ingaggio ancora più forte dei tanti operatori e volontari che si mettono in gioco, e al contempo serve alla giunta per maturare ulteriori elementi di conoscenza e consapevolezza delle progettualità in campo, delle problematiche esistenti e delle esigenze specifiche dei territori e delle persone che li abitano. Situazioni che non sono date per sempre ma sono dinamiche, cambiano, evolvono, si trasformano e impongono agli amministratori un costante bagno di realtà”.

© Riproduzione riservata
Commenti