Commenta

Beatificazione di padre
Alfredo Cremonesi:
tutte le celebrazioni

“Fin dal primo anno di seminario mi sono sentito chiamato alle missioni”. Inizia così una delle memorie di padre Alfredo Cremonesi, ucciso brutalmente in Myanmar, nel 1953, da soldati governativi, mentre nel Paese imperversava la guerra per l’indipendenza.
Il missionario cremasco è stato riconosciuto quale martire e, dopo una lunga causa portata avanti dalla diocesi di Crema (unitamente a quella di Taungngu), sarà proclamato beato il prossimo 19 ottobre.
La messa di beatificazione si svolgerà nella cattedrale di Crema, da parte del cardinale Angelo Becciu – delegato del Papa – e alla presenza dei vescovi Gianotti e Isaac Danu (della diocesi birmana). La celebrazione avrà inizio alle 15.30 e potrà essere seguita in diretta su Cremona1 Tv. I fedeli potranno recarsi in chiesa già dalle 14.30.
Alla vigilia della Beatificazione, al teatro San Domenico, la compagnia teatrale di Castelleone porterà in scena uno spettacolo sulla vita del missionario, dal titolo “Una vita bruciata d’amore” (ingresso gratuito – ore 21).
Il 20 ottobre la delegazione del Myanmar effettuerà un tour presso i luoghi simbolo del territorio che ha dato i natali a padre Alfredo: a Montodine, dove sono sepolti i genitori, Ripalta Guerina dove padre Alfredo è nato e vissuto. Seguiranno la chiesa di San Michele dove ha celebrato la prima messa e il Santuario delle Grazie, dove ha tenuto l’ultima omelia prima di partire in missione.
Sempre nella giornata del 20 ottobre in piazza Trento a Ripalta Guerina, si terrà una messa di ringraziamento.
La data di beatificazione, ha spiegato il vescovo Daniele Gianotti, “Non è stata scelta a caso. Si tratta infatti della vigilia della Giornata Missionaria Mondiale”. Ottobre, che da sempre è il mese missionario, quest’anno festeggia il centenario delle Opere Missionarie, ed è quindi, per volere del Santo Padre, “straordinario”.
AmBel

© Riproduzione riservata
Commenti