Commenta

Da venerdì al via la Festa de
l'Unità di Ombrianello con il
motto 'No alle parole d'odio'

Dibattiti, musica, buon cibo. Torna, dal 23 agosto al 3 settembre, la Festa de l’Unità a Ombrianello, appuntamento che chiude l’estate cremasca.

Stessa location, con qualche novità, a partire dalla balera, più grande rispetto agli anni scorsi. 11 ristoranti e tante iniziative (come la giornata country e quella dedicata agli amici a 4 zampe, o ancora la tombola che si svolgerà ogni sera) che animeranno i 12 giorni di Festa. Niente fuochi d’artificio, come da ordinanza comunale, ma un grande concerto dei “Blascover”, la tribute band ufficiale del cantautore di Zocca.

Nello spazio dibattiti si tratteranno i temi del cambiamento climatico e del lavoro, con anche uno sguardo sul futuro della sanità lombarda, e dell’unità del territorio cremasco. “E’ un momento di festa, ma anche di discussione – ha sottolineato il segretario Cremasco Cinzia Fontana – Specie in una fase politica così delicata come quella che si è creata nelle ultime settimane”.

Ospite d’onore, come già annunciato, il segretario nazionale del Partito Democratico, Nicola Zingaretti che arriverà a Ombrianello alle 19 di venerdì 30 agosto.

Il motto della Festa di quest’anno è “No alle parole d’odio”, inserito in un cuore rosso: “Abbiamo scelto con convinzione il cuore come simbolo. Ci sembrava importante sottolineare che siamo le parole che usiamo e segnare profonda differenza con clima di intolleranza e linguaggio violento di altri. Vogliamo stare dalla parte dell’umanità”.

La Fontana, con il segretario provinciale Soldo e il consigliere regionale Matteo Piloni, ha ringraziato gli “oltre 300 volontari che hanno permesso, ancora, la realizzazione di questa festa unica”.

QUI il programma completo delle serate

AmBel

© Riproduzione riservata
Commenti