Commenta

La Mitica:
donazione all’oncologia
dell’ospedale Maggiore

Consegnati questa mattina all’ unità operativa di oncologia dell’Asst Ospedale Maggiore di Crema, due cicloergometri davenbike e due pesapersone professionali a colonna. A donarli, l’associazione La Mitica-Nazionale guariti dalla leucemia, rappresentata dal vice presidente Giacomo Terranova e dai volontari: Eugenio Polledri (che è anche l’allenatore della squadra), Arrigo Piloni e Sonia Colò.
Gli ausili. Il materiale donato all’oncologia, spiega il primario Maurizio Grassi, è utile per favorire l’attività motoria e mantenere il tono muscolare per quei pazienti che a causa del decorso delle diverse patologie, si trovano a dover vivere per parecchio tempo nelle stanze di isolamento, così da rendere un po’ più confortevole per i pazienti il trascorrere del tempo durante la degenza. Oltre al primario ed al caposala Egidio Malpezzi, presenti alla consegna, anche le dottoresse Federica Cattina e Maria Cristina Pasquini, che hanno espresso i loro ringraziamenti all’associazione, anche per l’attenzione verso i pazienti ematologici del centro di Crema.
L’Associazione. Presieduta dal dottor Momcilo Jankovic, figura importante nella cura e nello studio delle patologie pediatriche, con particolare attenzione all’onco-ematologia, ufficialmente La Mitica nasce poco più di un anno fa, ed ha sede a Quintano. Molte le iniziative promosse, dal gruppo che in realtà opera già dal 2002: lo scorso anno La Mitica ha organizzato una giornata al Parco della Preistoria di Rivolta d’Adda per un’ottantina di bambini guariti e in terapia per patologie oncologiche ed onco-ematologiche. Numerose le amichevoli giocate per raccogliere fondi: “Domenica scorsa, eravamo a Darfo Boario per un triangolare – ha ricordato Giacomo Terranova – ed ha fatto l’esordio in squadra un ragazzo trapiantato a marzo, prossimamente saremo a Roma, per ricordare un ragazzo prematuramente scomparso lo scorso anno, ed a settembre a Vailate, appuntamento con Admo e Nazionale Clown Therapy”.
Obiettivi. “La nostra associazione è fatta di volontari, con la V maiuscola ed il cuore grande, senza di loro saremmo già morti”, dice il vice presidente Terranova, che 35 anni fa è rinato grazie al midollo donato dal fratellino, all’epoca di soli tre anni. “Il contatto diretto con i bambini, gli adulti ed il pensiero ai famigliari – aggiunge Terranova – sono i nostri obiettivi, accanto alla sensibilizzazione verso la donazione, perché si confonde spesso il midollo osseo con il midollo spinale”.
Ad agosto in Inghilterra. “Ci saremo anche noi – dice orgoglioso Terranova – alla 41esima edizione dei World Transplant Games, i mondiali dei trapiantati che si svolgeranno dal 17 al 24 agosto a Newcastle, in Inghilterra”. Saranno cinque i membri de La Mitica, che assieme agli oltre 2000 partecipanti in rappresentanza di più di 50 nazioni, si sfideranno in diverse discipline, dal tiro con l’arco, all’atletica leggera, dal ciclismo, al calcio, quale segno di speranza per tutte quelle persone in attesa di un trapianto per continuare a vivere.
Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti