Commenta

Dal ‘Mazzini’,
oltre 12mila euro
per l’Aipamm

Oltre 12mila euro il ricavato della tredicesima edizione del trofeo Gianbattista Mazzini, riservato alla categoria pulcini e primi calci, che nei giorni scorsi è stato ufficialmente consegnato all’ Aipamm, Associazione Italiana Pazienti con Malattie Mieloproliferative, nel corso di un incontro presso l’accogliente sala riunioni del centro sportivo di Bagnolo Cremasco, alla presenza degli organizzatori, del dottor Alessandro Inzoli, primario del reparto di oncologia dell’Asst di Lodi e del dottor Vittorio Rosti del Centro per lo studio e la cura della mielofibrosi del Policlinico san Matteo di Pavia. Un’edizione, quella appena passata che è stata caratterizzata da diverse vicissitudini, ma che il nucleo storico del Mazzini ha voluto fortemente proseguire, trovando accoglienza a Bagnolo: diciotto le squadre dilettanti (sei per ogni categoria 2008 e 2009 e 2010/2011), che hanno sudato dal 24 al 26 maggio presso le strutture del centro sportivo comunale di Bagnolo.
Ricerca scientifica e assistenza. Ad illustrare le iniziative dell’Aipamm sul territorio ( probabile nuova sede a Bagnolo, ndr), assente il prof. Giovanni Barosi, impegnato in un importante convegno internazionale, sono stati il dott. Vittorio Rosti ed il primario di oncologia di Lodi, già al Maggiore, dott. Alessandro Inzoli. Promozione di un’assistenza adeguata a malati e famiglie e miglioramento delle opportunità di ricerca scientifica su cause e cura della mielofibrosi, tra gli obiettivi di Aipamm: finalità perseguite valorizzando reti di ricerca e azione del san Matteo di Pavia.
Ospiti e sostenitori. Alla serata, seguita da un ricco buffet, hanno partecipato anche: Giacomo Terranova, responsabile Nazionale La Mitica, ragazzi guariti da leucemia, impegnati nella sensibilizzazione dei cittadini verso la donazione del midollo osseo, un piccolo-grande gesto che salva la vita; l’appuntato scelto Benvenuto Malchiodi, che ha ricordato la vicinanza dell’ Arma dei Carabinieri verso tutte le iniziative che promuovono solidarietà sul territorio e tra gli organizzatori dell’amichevole dello scorso 17 maggio, tra AtalantaMozzanica e rappresentativa Carabinieri di Crema, il cui ricavato è andato ad Aipamm.
Il ‘Mazzini’ continua. I fratelli Mazzini, Renzo Verdelli per l’Us Bagnolo e Marco Gipponi, al di là della donazione, hanno rimarcato l’importanza di proseguire e pensare già all’edizione numero quattordici del trofeo, ringraziando gli sponsor che hanno confermato il sostegno e ricercandone altri per il futuro. Per il dottor Rosti: “È il coronamento di un’impresa, perché le prospettive a febbraio non erano rosee, ma il grande sforzo di tutti ha permesso la buona riuscita. E per noi, anche solo un euro devoluto alla ricerca è un grande aiuto”. Dello stesso avviso il dottor Inzoli: “Come medico, il mio impegno organizzativo è pari a zero, ma sono qui perché quello che fate è molto importante a sostegno della ricerca e dell’assistenza per i pazienti di malattie mieloproliferative”. Vicinanza è stata espressa anche dal presidente della BCC Caravaggio Adda e Cremasco, Giorgio Merigo, per il quale i principi di solidarietà e sussidiarietà alla base della Banca, bene si sposano con gli obiettivi del Mazzini ed il sostegno ad Aipamm, fondamentale riferimento scientifico ed umano per molti pazienti.
Ringraziamenti. Alla consegna dell’assegno, non potevano mancare i famigliari di Gianbattista Mazzini, cui è dedicata la manifestazione, nonché gli stessi referenti Aipamm. Emozionati, i fratelli Gianmario Giuseppe Mazzini hanno espresso il ringraziamento ai volontari dell’ Us Bagnolo, fondamentali per l’organizzazione dell’edizione di quest’anno del torneo. Ringraziamenti estesi a diverse associazioni: Bagnolo SportAvisCroce Rossa, arbitri, il collaboratore Piero Lodetti e l’amministrazione comunale guidata dall’ex sindaco Doriano Aiolfi, con l’augurio che possa proseguire il rapporto anche con la nuova amministrazione.
Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti