Commenta

Infrastrutture Cremasco, Degli
Angeli: 'Regione intervenga
Servono azioni concrete'

Il Consigliere regionale del M5S Marco Degli Angeli ha chiesto e ottenuto un incontro con l’Assessore regionale alle Infrastrutture Claudia Terzi. L’incontro si svolgerà a margine del Consiglio regionale del 25 giugno prossimo e avrà come tematica principale le infrastrutture del territorio cremasco. In particolare le Tangenziali di Dovera e di Crema e l’allargamento della sede stradale della S.P. 62 in territorio di Capergnanica.

“Porterò all’attenzione dell’Assessore alcune questioni di rilevante importanza per la viabilità del nostro territorio che, purtroppo, sono ferme al palo da anni ed a cui è necessario dare un’accelerata decisa sia per migliorare la competitività delle imprese del territorio che per garantire ai cittadini una qualità di vita migliore. Sulla Tangenziale di Dovera è stato siglato un Accordo di programma tra comune e province di Cremona e Lodi e lo scorso dicembre è stato audito il sindaco Signoroni all’interno della V Commissione consiliare. Non è più tollerabile che una strada di grande comunicazione come la ex S.S. 472, su cui  transitano ogni giorno numerosi mezzi pesanti, attraversi il centro abitato causando inquinamento atmosferico, acustico e arrecando danni al manto stradale e agli edifici della città. Allo stesso tempo, l’annosa questione della Tangenzialina nord di Crema sulla S.P. 19 tra Crema e Capralba è ancora irrisolta. Si potrebbe bypassare il centro cittadino e permettere ai mezzi provenienti dalla provincia di Bergamo di immettersi direttamente sulla ex S.S. Paullese in direzione Milano. Ne gioverebbero le decine di imprese che hanno negli anni occupato tutta la zona “ex Olivetti”. Per ciò che riguarda Capergnanica, il 10 luglio scorso, all’interno del bando AttrAct, la Regione ha previsto un contributo di 100.000 € per il comune per la realizzazione della nuova rotatoria sulla S.P. 62; opera assolutamente utile, ma che non avrebbe alcun senso se non si provvedesse contestualmente ad allargare la sede stradale che dalla S.P. 62 porta alla nuova area produttiva del comune di Capergnanica che ospita numerosi insediamenti industriali di eccellenza. La Regione deve farsi attore principale su tali questioni perché i governi dei territori, comuni e province, hanno sempre meno possibilità, soprattutto economiche, per affrontare spese ingenti e realizzare le opere di cui avrebbero bisogno.

Conclude Degli Angeli: “Il tema delle infrastrutture del nostro territorio è sempre al centro del dibattito politico poiché sono delle opere strategiche per la viabilità di un ampio bacino di utenti. È quindi di fondamentale importanza che la Regione si faccia promotrice in prima persona delle istanze dei cittadini e che dia una spinta decisa affinché queste opere non vengano più rimandate, ma vengano realizzate nel più breve tempo possibile”.

© Riproduzione riservata
Commenti