Commenta

Benemerenze civiche
per studenti e professori
della scuola ‘Vailati’

Nell’ambito dei festeggiamenti per il santo patrono della città, si è svolta questo pomeriggio presso la sala Ostaggi del comune, la cerimonia di consegna delle civiche benemerenze ai 51 studenti della scuola media Vailati, vittime del dirottamento del bus lo scorso marzo.

Analogo riconoscimento anche per i docenti presenti sul bus, Alessandro Cadei e Giacomo Andrico e per la collaboratrice scolastica Tiziana Magarini. La cerimonia, condotta dall’assessore Matteo Gramignoli, ha visto la partecipazione del sindaco Stefania Bonaldi, del vescovo mons. Daniele Gianotti e delle Forze dell’Ordine al gran completo: per l’Arma dei Carabinieri, il maggiore Giancarlo Carraro, per la Polizia di Stato, il vice questore Daniel Segre e Guglielmo Toscano, vicario del Questore di Cremona, il comandante Mario Crotti della stradale e per la Guardia di Finanza, tenente Gaia Sorge.

Spegnere i riflettori. Il sindaco ha accolto i piccoli alunni e le loro famiglie “nella casa dei cittadini di Crema”, complimentandosi con loro perché quel mercoledì 20 marzo, sono stati “bravi e coraggiosi”. Non ha utilizzato la parola “eroi” Stefania Bonaldi, termine abusato negli ultimi tempi, ma ha posto l’accento sulla cooperazione, alla base dell’esito positivo della vicenda, oltre ovviamente alle capacità dimostrate dal pronto intervento delle Forze dell’Ordine, più volte sottolineato dagli applausi dei piccoli studenti e dei loro genitori. Il sindaco ha poi concluso esortando tutti ad un impegno per spegnere i riflettori sulla vicenda: “Avete 12 anni e la vostra vita è un film tutto da fare – ha concluso il sindaco – Non dovete essere etichettati come i ragazzi del bus”.

Salvezza e solidarietà, nelle parole del Vescovo Gianotti, che rifacendosi alla figura di san Pantaleone, salvatore della città dalla peste nel quattordicesimo secolo, ha ricordato a tutti la necessità di essere vigili verso i pericoli per la società, rappresentati da egoismo, odio e razzismo.

I ringraziamenti dei genitori. Nella parte finale della cerimonia, le premiazioni delle due classi (2 A e 2 B) e dei loro insegnanti da parte del sindaco, i riconoscimenti alle Forze dell’Ordine da parte dell’amministrazione comunale e spazio agli interventi della delegazione di mamme e papà presenti.

I genitori dei ragazzi, visibilmente emozionati, hanno espresso sentimenti di gratitudine per la straordinaria operazione condotta dalle Forze dell’Ordine, durante e dopo il dirottamento, per la rappresentante dell’ufficio territoriale del Governo, Maura Longari e per l’amministrazione comunale cittadina.

Il corpo bandistico Giuseppe Anelli di Trigolo diretto dal maestro Vittorio Zanibelli, ha impreziosito la cerimonia, con la presentazione di un paio di brani, tra i quali l’Inno di Mameli e l’Inno alla Gioia.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti