Commenta

Plastic Free: una battaglia del M5S
'Prima sbeffeggiati dalla Maggioranza
che ora se ne prende il merito'

Lettera scritta da Manuel Draghetti - Consigliere Comunale M5S

Ho appreso che a breve saranno installati boccioni d’acqua all’interno del Municipio di Crema e della Biblioteca Comunale. Questo al fine di ridurre l’utilizzo indiscriminato della plastica e offrire a dipendenti ed utenti acqua da bere gratuitamente. Tuttavia debbo contestare il fatto che la campagna Plastic Free sia stata voluta dalla Giunta Bonaldi, come quest’ultima vuol far credere. Fu il sottoscritto, portavoce del M5S Cremasco in Consiglio Comunale, a portare all’interno dell’Aula degli Ostaggi la tematica relativa alla diminuzione, da parte dell’Ente comunale, dell’utilizzo della plastica. Fui sbeffeggiato da quasi tutte le forze del Consiglio Comunale, in primis da quelle di maggioranza, che arrivarono a definire la mia proposta una sciocchezza e la mia azione consiliare come un vero e proprio “stress” per gli Uffici Comunali. Fu solo grazie all’insistenza del sottoscritto, che riuscii ad ottenere la convocazione di una Commissione apposita. Infatti bloccai i lavori dell’Aula, attraverso un ostruzionismo fatto di miei continui interventi su diversi emendamenti da me presentati. Convocata la commissione, dopo qualche mese dalla discussione in Consiglio, la maggioranza sembrava essersi dimenticata dei pesci in faccia che mi tirò di fronte alla stampa in Consiglio Comunale. Approvammo così in Commissione delle linee guida per diminuire la plastica in città, con l’impegno di un aggiornamento due mesi più tardi.

Plastic Free è una campagna nata dal Ministro all’Ambiente del M5S Sergio Costa, recepita da tutti i gruppi regionali e sostenuta con forza in tutti i Comuni dove il M5S ha dei portavoce. Questi si sono ispirati alla proposta di legge del M5S Lombardia, grazie alla quale la Lombardia è stata la prima Regione ad approvare questo tipo di intervento. Gli obiettivi sono chiari e realistici, modellabili in base alle competenze di ogni Ente. Pertanto, se proprio siamo costretti a trovare una paternità a questa iniziativa, questa deve essere attribuita al Movimento Cinque Stelle. Non vogliamo, tuttavia, intestarci alcun merito: pretendiamo solo rispetto dalla maggioranza che amministra la città! La smettano di mettersi le spillette sulla giacca, dopo averci denigrato ed offeso, solo per avere visibilità sui giornali.

Manuel Draghetti

© Riproduzione riservata
Commenti