Cronaca
Commenta

Pochi parcheggi per giostrai in zona industriale. Ancorotti: 'Giunta incapace e molesta'

“Che questa Amministrazione sia incompetente e superficiale l’abbiamo accettato da tempo, ma che ora diventi molesta, è troppo”. E’ furibondo Renato Ancorotti, presidente della Ancorotti Cosmetics che, come altri imprenditori della zona industriale di Crema ha ricevuto lamentele e segnalazioni all’arrivo dei caravan dei giostrai. La Fiera di Santa Maria aprirà i battenti il 22 marzo, ma le roulotte hanno occupato il parcheggio martedì.

“Nulla contro i giostrai. Il problema è che l’Amministrazione dovrebbe tutelare anzitutto i cremaschi che pagano qui le proprie tasse e hanno tutto il diritto di parcheggiare l’auto per andare a lavoro. La soluzione – prosegue Ancorotti – si sarebbe potuta trovare spostando i caravan nella zona della ex Pip, alla Pierina o nel campo dove solitamente in luglio si svolge la Festa del Pd”.

“Ieri due dipendenti di aziende della zona industriale si sono visti portare via la macchina dalla polizia locale. Ma la colpa non è dei vigili, la molestia arriva dal Comune, e non è più tollerabile”.

Per Ancorotti questa Giunta non ha il “minimo senso dell’economia, del concetto di industria. Questa non è più la zona morta di un tempo: gli imprenditori, da zero e senza l’aiuto dei politici, l’hanno riportata in vita”. La stima, infatti, dei dipendenti che si recano nell’area ex Olivetti per lavoro è di circa 3.000 persone.

“Non chiediamo nulla all’Amministrazione, anche se altre ci avrebbero fatto ponti d’oro per quello che abbiamo deciso di intraprendere qui. Ma almeno ci lascino lavorare in pace senza disagi di questo tipo”.

Non manca il riferimento alla tangenzialina, per la quale il consigliere Pd Matteo Piloni aveva portato un Odg in Consiglio regionale lo scorso dicembre, “ma mancano le firme dei sindaci, i soldi e il progetto. Quindi di cosa stiamo parlando? Non è così che si incentiva l’imprenditoria di una città”.

AmBel

 

© Riproduzione riservata
Commenti