Commenta

Formigoni in carcere
Intanto martedì a Cremona
udienza sul caso 'Vero'

AGGIORNAMENTO 22 FEBBRAIO – E’ detenuto nel carcere di Bollate, dove si è spontaneamente costituito, l’ex governatore della Regione Lombardia Roberto Formigoni dopo che la Corte di Cassazione ha reso definitiva la condanna nei suoi confronti, riducendo la pena a cinque anni e dieci mesi rispetto ai sette anni e sei mesi inflitti in primo grado. Formigoni doveva rispondere di corruzione relativamente al crac delle fondazioni Maugeri e San Raffaele. La riduzione di pena è dovuta all’intervenuta prescrizione di parte delle accuse. La decisione della Suprema Corte è stata trasmessa alla procura generale di Milano, che ha emesso l’ordine di esecuzione della pena.

Per effetto della cosiddetta legge Spazzacorrotti, il reato di corruzione è stato inserito tra i cosiddetti reati “ostativi” che impediscono di chiedere misure alternative. Per il “Celeste”, quindi, si aprono le porte del carcere.Roberto Formigoni è a processo anche a Cremona. Martedì prossimo è in calendario l’udienza sul processo riguardante il presunto giro di tangenti nella sanità che oltre all’ex governatore vede imputata anche Simona Mariani, ex dg dell’ospedale di Cremona. Secondo la procura, Formigoni avrebbe ottenuto dall’ex consigliere lombardo Massimo Gianluca Guarischi utilità per un totale di 447mila euro per garantire un “trattamento preferenziale” alla Hermex Italia dell’imprenditore Giuseppe Lo Presti nelle gare per la fornitura “dell’apparecchiatura diagnostica acceleratore lineare ‘Vero’” in alcuni ospedali, in particolare per quello di Cremona, adoperandosi nel 2012 per sbloccare stanziamenti regionali.

Il procedimento a Cremona va avanti in attesa della decisione della Cassazione che il 13 marzo si pronuncerà sull’eccezione di competenza territoriale sollevata dagli stessi giudici cremonesi. Secondo il collegio di Cremona, la competenza sul processo è del tribunale di Milano, lo stesso che aveva deciso di spostare il caso a Cremona per competenza territoriale.

S.P.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti