Commenta

Cremasco dell’Anno 2018,
standing ovation
per MagicaMusica

Insieme per cantare, suonare e divertirsi. Oltre gli ostacoli ed abbracciando le differenze. L’Orchestra MagicaMusica, la formazione di musicisti disabili (e non) diretta dal Maestro Piero Lombardi, ha portato un po’ del suo entusiasmo alla cerimonia solenne di conferimento di “Cremasco dell’Anno 2018”, che si è tenuta domenica 20 gennaio presso l’Auditorium Manenti a Crema, durante la quale al Maestro Lombardi è stata assegnata una Menzione d’Onore “per il coinvolgimento attivo di ragazzi speciali che attraverso la musica esprimono tutta la propria carica di generosa emozionalità”.
L’ambito riconoscimento di “Cremasco dell’Anno”, istituito dal Settimanale In Prima Pagina con il patrocinio del Comune di Crema, della Camera di Commercio, della Provincia di Cremona e di Regione Lombardia, è stato assegnato all’Associazione Popolare Crema per il Territorio e consegnato nelle mani del Presidente Giorgio Olmo. Altre Menzioni d’Onore sono state attribuite all’Istituto Musicale Luigi Folcioni, al Corpo Bandistico San Lorenzo di Offanengo, a Gloria Angelotti per il Franco Agostino Teatro Festival, all’A.C. Crema 1908 non vedenti, al Basket Team Crema e, inaspettatamente, a Padre Luigi Maccalli.
Piero Lombardi, dopo aver invitato i presenti a chiudere gli occhi e ad estendere il caloroso applauso con cui è stato accolto ai 30 ragazzi disabili e ai 15 educatori che compongono l’orchestra, ha descritto brevemente le attività ed i successi riscossi nell’ultimo anno: «Il 2018 – ha detto Lombardi – è stato per noi un anno indimenticabile. Dopo aver festeggiato il decimo anniversario di fondazione con un concerto sinfonico al Teatro Ponchielli di Cremona, in cui ci siamo esibiti insieme alla New Pop Orchestra di Comun Nuovo, abbiamo partecipato al talent show “Tu Si Que Vales” e ci siamo classificati secondi, dimostrando così che il talento non conosce limiti». A questo si aggiunge un altro importante appuntamento, quello del 3 dicembre scorso con il Presidente Mattarella: «Aver suonato l’Inno d’Italia dinnanzi al Presidente della Repubblica è stata un’emozione indimenticabile».
Finita la trasmissione, archiviata la trasferta romana ed incassato anche il Premio Nazionale Paolo Borsellino, attribuitogli a Pescara lo scorso 27 ottobre, però Lombardi vuole ripartire dai cuori dei cremaschi: «Tutto questo affetto ci dà la carica per continuare a suonare. Grazie di cuore al Settimanale In Prima Pagina e alla Commissione “Cremasco dell’Anno” per averci menzionato, siamo onorati ed emozionati».
E, per esserne sicuri, basta ascoltare i cuori dei ragazzi battere forte, davanti ad un pubblico caloroso, talmente caloroso, da far dimenticare per un momento il problema della mancanza di una sede. Il posto dove i ragazzi suonavano è stato, infatti, dichiarato inagibile. Attualmente si esercitano in una saletta prove, troppo piccola per contenere tutti, messa a disposizione dall’Associazione Musicale Stradivarius. Per questo, di recente è stata anche attivata una raccolta fondi al fine di costituire il Centro d’Arte MagicaMusica, uno spazio più ampio, necessario per accogliere tutti i ragazzi disabili che vogliono entrare a fare parte dell’Orchestra e dove «ciascuno potrà, attraverso la musica, avere l’opportunità di divertirsi e di conquistare granelli di dignità. Perché suonare con noi, significa, prima di tutto, abbracciare i limiti, fino a riconoscersi in essi, senza farci caso» ha concluso Lombardi.

© Riproduzione riservata
Commenti