Scuole
Commenta

Liceo Munari: domani dalle 15 alle 18 open day nelle due sedi

Scuola aperta domani dalle 15 alle 18, presso le due sedi del Munari: in via Piacenza, saranno presentati gli indirizzi del liceo artistico (Grafica, Multimediale, Figurativo, Scenografia, Architettura, Design), cui si aggiunge il percorso di tecnico grafico. Analogamente presso la sede di Largo Falcone e Borsellino, saranno presentati i percorsi del liceo delle scienze umane e di quello economico sociale. Tutti i laboratori di via Piacenza saranno aperti, per mostrare alla città il grande fermento creativo e artistico e la progettazione tecnica che si traduce in numerosi elaborati. Alla sede di largo Falcone e Borsellino, oltre alle esperienze nei laboratori di chimica e lingue, sarà riproposta l’attività di recitazione da parte dei ragazzi in lingua latina.

Nuovo logo. C’è molto attivismo negli ultime settimane nella scuola diretta da Pierluigi Tadi, impegnata a dare una nuova identità all’istituto, dopo il dimensionamento dello scorso anno. Una scuola con due sedi, che ora si sta dando anche un nuovo logo e presto una nuova cartellonistica, senza lasciare nulla al caso. Riprendendo il vecchio logo, sono state apportate delle modifiche, ci dice il dirigente, con l’inserimento di un motto, volutamente in latino, per testimoniare la focalizzazione verso ciò che rappresenta la cultura classica nell’esperienza liceale, perché il Munari è un liceo, ci tiene a ricordare il dirigente.

Sapientia, Competentia et Humanitas. Questo il motto del nuovo Munari: sapientia, riassume il mondo della conoscenza; competentia, indica l’armonia tra arte, studi umanistici e scientifici; humanitas, è il sentimento di comprensione e complicità nei rapporti umani, che accomuna tutti in quanto uomini, determinando il rispetto delle norme, punto di partenza per l’insegnamento di quelle soft skills, trasversali e richieste nella didattica come nei percorsi lavorativi.

Offerta liceale alternativa. Il Munari, quale liceo alternativo all’offerta liceale già presente in città, che nei suoi tre indirizzi, artistico, delle scienze umane ed economico sociale, vuole rappresentare un polo di formazione di alto livello, proiettando i suoi studenti verso la prosecuzione degli studi universitari. Particolare interesse – prosegue il dirigente Tadi – è rivolto alla mission che la scuola si propone di perseguire: valorizzazione del capitale umano rappresentato dai talenti dei suoi alunni, dando forma alle loro idee, attraverso i vari tipi di linguaggi, centrali nel raggiungimento del successo formativo.

Il liceo economico sociale. Per il dirigente Pierluigi Tadi, altro elemento del nuovo Munari è rappresentato dall’attenzione verso l’indirizzo economico sociale. Un percorso che offre quale sbocco naturale l’iscrizione alle facoltà universitarie presenti sul territorio lombardo, proiettando gli studenti verso le scienze economiche e giuridiche. Perché accanto alla tradizionale impronta liceale, l’indirizzo si caratterizza per la presenza di discipline quali il diritto e l’economia, che consentono ai diplomati del liceo economico sociale di intraprendere percorsi universitari presso le facoltà di giurisprudenza ed economia, con un background di conoscenze utile ad affrontare con il giusto approccio quelle facoltà.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti