Commenta

Veglia diocesana
per la liberazione di
padre Gigi Maccalli

La marcia di ottobre

A poco più di un mese dalla marcia silenziosa promossa dall’unità pastorale San Giacomo/San Bartolomeo, la comunità cremasca torna a pregare per la liberazione di padre Gigi Maccalli, rapito in Niger lo scorso settembre e del quale non si hanno più avute notizie.

Per domani, 17 novembre, la diocesi ha organizzato una veglia in ricordo del missionario madignanese e per testimoniare per il primo e più fondamentale di tutti i diritti umani: la libertà.

“Liberate padre Gigi” sarà scritto sullo striscione che aprirà il corteo. Lungo le vie cittadine il vescovo Daniele Gianotti sosterà insieme ai fedeli in alcune tappe durante le quali saranno ricordati anche tutti i sacerdoti, religiose, religiosi, laici e laiche sequestrati e non ancora rilasciati.

In cattedrale si svolgerà invece la preghiera.

L’idea è quella di proseguire, ogni 17 del mese, la “staffetta” in tutte le parrocchie della Diocesi, per “per vivere insieme il dono della speranza, fino a quando – speriamo presto – non sarà stato liberato padre Gigi”.

ab

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti