Commenta

Pd si prepara al rinnovo delle
segreterie: presentati Soldo
(provincia) e Peluffo (regione)

Da sinistra Fontana, Peluffo, Soldo e Piloni

Ripartire dal territorio, è questo il mantra espresso durante la conferenza stampa nella sede del Partito Democratico per la presentazione dei candidati alla segreteria provinciale e regionale, rispettivamente Vittore Soldo e Vinicio Peluffo. Accanto a loro il segretario provinciale uscente e consigliere regionale Matteo Piloni e l’ex parlamentare (ora assessore al Comune di Crema) Cinzia Fontana.

Vinicio Peluffo (a sinistra) e Vittore Soldo

La votazioni si svolgeranno il 18 novembre e saranno aperte non solo agli iscritti al Pd, “ma anche a tutti quei cittadini che hanno voglia di esprimere la propria posizione – ha sottolineato Piloni – Deve essere un’occasione per riaffermare i nostri valori fondamentali e dialogare con quella parte di Paese che si è allontanata, come ha dimostrato il voto del 4 marzo”.

Un dialogo da recuperare, dunque, partendo dalla regione Lombardia attraverso la leadership espressa da Peluffo, che si è complimentato per la “sintesi che questo territorio è riuscito a realizzare, esprimendo per la segreteria provinciale un candidato unitario. Purtroppo in regione non ce l’abbiamo fatta ed è partendo proprio dal ‘noi’ e non dal singolo, che si è sviluppato il mio programma”. Dodici macro temi che spaziano dall’ambiente ai trasporti “con ben chiara in testa un’idea di Lombardia europea e, soprattutto di sguardo al futuro così come era ai tempi in cui il partito è stato fondato”. Peluffo, classe 1971, è stato parlamentare e amministratore nonché tra i fondatori del Pd con Veltroni, correrà contro Eugenio Comincini.

Altro discorso è invece la candidatura per la segreteria provinciale, che vede in corsa un unico candidato: Vittore Soldo, attualmente a capo del circolo Dem di Soncino. “Sono grato per l’opportunità e spero di poter essere all’altezza dell’eredità che lascia Matteo. Il mio obiettivo è rigenerare entusiasmo e passione per questo partito, consapevole del momento storico che sta attraversando in tutto il Paese. La sfida – ha proseguito – è tornare ad essere protagonisti, anche per le prossime generazioni. La provincia di Cremona ha grandi potenzialità, tutt’ora inespresse”.

Anche la Fontana ha espresso soddisfazione per i due candidati, entrambi “saranno in grado di fare il punto sulle esigenze locali. Vittore in virtù dell’unitarietà del partito in una provincia non semplice e Vinicio per la profonda conoscenza che ha, in campo politico e istituzionale, della Lombardia”.

Per quanto concerne le segreterie cittadine su Crema e Casalmaggiore non ci sono ancora nomi di papabili, mentre su Cremona, probabilmente, si presenterà Luca Burgazzi. I singoli circoli invece saranno presumibilmente retti dalle persone che attualmente ne prendono parte.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti