Commenta

Espressioni Film Festival
Dal 6 al 21 ottobre
in sala Bottesini

Alla presenza di Antonio Chessa, vicepresidente della Fondazione Teatro San Domenico, presentato questa mattina il festival Espressioni, rassegna itinerante di video-danza e arti performative, ideata circa undici anni fa a Milano da Perypezye Urbane ed organizzata a Crema dall’Associazione K, che si avvale della collaborazione di Amenic Cinema. Per il quarto anno consecutivo, la manifestazione trova ospitalità all’interno delle strutture del San Domenico, ha detto Maruska Ronchi dell’Associazione K, descrivendo il programma della rassegna, che si terrà presso la sala Bottesini dal 6 al 21 ottobre. Quest’anno la manifestazione trova ispirazione nella lettura che Umberto Eco ha fatto dell’arte contemporanea in Opera aperta nell’ambito di un seminario svoltosi a Torino nel 2011. Il festival gode del sostegno dell’Associazione Popolare per il Territorio.

Cosa significa fare video danza? Questo l’interrogativo che intende lanciare Espressioni 2018, ha sottolineato Maruska Ronchi. “Il risultato è interessante e fa scaturire un rapporto molto forte tra l’architettura e la danza. Spazi ampi e prevalentemente vuoti, o spazi ristrettissimi, dove risalta la presenza del movimento danzato”. Di particolare rilevanza il progetto Rizophora girato nel villaggio dell’Amicizia ad Hanoi in Vietnam, che ospita un centinaio di bambini figli o nipoti delle persone che sono state esposte all’Orange Agent, il defoliante alla diossina utilizzato durante la guerra del Vietnam. Il video, nonostante la drammaticità dell’argomento “è pura poesia” ha aggiunto Maruska Ronchi e merita una visone attenta da parte del pubblico che prenderà parte al festival nei giorni di apertura: dalle 16 alle 19 dal martedì al sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Per il momento, 4 i video e gli artisti selezionati per Espressioni 2018: Salvatore Insana – Vacuum, Igual – 12mq, Davide De Lillis, Julia Metzger-Traber – Rhizophora, Daša Grgič – DIH.breath.

Anche quest’anno durante l’inaugurazione di sabato 6 ottobre alle 18,30, verrà lanciato il contest “one day one video”, al quale tutti possono partecipare, disponendo di una videocamera, un cellulare o un qualsiasi dispositivo che permette di fare riprese, dando libero sfogo alla creatività. L’organizzazione indicherà tema e vincoli, con l’obiettivo di avere da parte dei partecipanti un video artistico entro le 19 di domenica 7 ottobre: in palio due biglietti per uno spettacolo della stagione del san Domenico. Regolamento su https://associazionek.wordpress.com/

Durante le due settimane di festival e in particolare nel prossimo week end dal 12 al 14 ottobre, ci saranno anche degli eventi con performance di danza e musica dal vivo. Nascerà un nuovo festival internazionale di danza butoh, uno dei pochi in Italia, che conferma la vocazione e l’interesse che l’Associazione K nutre per gli spettacoli dal vivo. Saranno protagonisti i danzatori Willian Lopes, Ursula Pehlke, Maruska Ronchi e i musicisti Stefano Carniti, Giordano Costi, Filippo Guerini, Mauro Pamiro, che interpreteranno sonorità sia acustiche che strumentali.

ig

© Riproduzione riservata
Commenti