Cronaca
Commenta

Intitolazione del ponte sul Serio a Giorgio Bettinelli: viaggiatore e spirito libero

Da sinistra il sindaco Bonaldi, Luciano Bettinelli, l'assessore Bergamaschi e Giorgio Ubbiali del Vesp Club

Un ponte, perché a Giorgio Bettinelli dedicare una via pareva poco. Un ponte che unisce, che spinge ad attraversare mondi, scoprire cose, incontrare gente.

E’ stata svelata ieri la targa che dedica a “Giorgino” la passerella ciclopedonale sul Serio. “Ci sembra così di onorare la sua memoria in modo adeguato”, ha commentato il sindaco Stefania Bonaldi alla presenza anche di numerosi soci del Vespa Club, che hanno caldeggiato l’intitolazione. Il vice presidente Giorgio Ubbiali ha sottolineato quanto sia stata “azzeccata, perché chissà quanti ponti Giorgino ha attraversato da Roma al Vietnam”.

“Giorgio è stato un’icona del vespismo ma non solo – ha aggiunto l’assessore Fabio Bergamaschi – Ha unito mondi, culture, interpretando in modo unico la voglia di scoprire il mondo”.

Emozionato anche il fratello di Bettinelli, Luciano: “Ho giusta fama d’essere orso, e quando parlo, parlo di mio fratello. Nostro padre sarebbe felice se fosse qui e Giorgio sarebbe orgoglioso, specialmente del luogo in cui sorge il ponte. L’avrebbe definito ‘bello'”.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti