Scuole
Commenta

Lavorare nel Terzo Settore: l’esperienza degli studenti del Liceo Racchetti

37 ragazzi coinvolti e messi a contatto con 23 associazioni ed enti

Conoscenze, abilità, competenze. Ma anche empatia, flusso emozionante, desideri, presa in cura, fiducia, esperienza di vita, negoziazione del sapere, accoglienza, reciprocità, e poi stanchezza, incertezza, contrasti, limiti, ansia di essere all’altezza, timore di essere giudicati. Questi sono solo alcuni dei termini emersi dall’incontro di restituzione con gli studenti della 5B_LSU e 5I_LSU del Liceo Racchetti di Crema impegnati nell’Alternanza Scuola Lavoro all’interno di associazioni e organizzazioni appartenenti al Terzo Settore.

Il momento di restituzione si è tenuto alla presenza dell’insegnante Iris Campostori e degli operatori di CSV Lombardia Sud (Centro di Servizio per il Volontariato). L’incontro – che ha segnato la chiusura del percorso organizzato per l’anno scolastico 2017/2018 – ha consolidato una sperimentazione iniziata fin dall’anno scolastico precedente, e ha visto come attori diretti l’istituzione scolastica, le organizzazioni di volontariato e CSV, con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo personale, la formazione dei giovani e la partecipazione alla vita delle comunità, ciascuno ovviamente nel rispetto dei propri ruoli e ambiti di azione, in un continuo e permanente scambio di informazioni e pratiche.

I 37 studenti coinvolti, dopo un percorso formativo di tre incontri erogato dalle operatrici e operatori del CSV, sono stati orientati e messi in contatto con 23 associazioni ed enti del Terzo Settore, tenuto conto degli specifici interessi ed attitudini. Quel che emerge dalla valutazione e dalla rielaborazione di gruppo attraverso tecniche di auto-narrazione, è sicuramente positivo, tanto nelle restituzioni delle associazioni quanto dalle voci degli studenti, tutti quanti coinvolti in attività fra loro anche molto differenti come attività di segreteria, organizzazione, accompagnamento, percorsi educativi con bambini e ragazzi, svolgimento di compiti, esperienze di animazione con anziani e atleti disabili, assistenza, ascolto e dialogo con malati di Alzheimer, animazione con bambini figli di migranti, partecipazione ad équipe, progettazione e organizzazione di eventi, lavori manuali a sostegno di progetti di cooperazione internazionale, servizio a favore di persone in situazione di fragilità, impegno in ambito animalista.

© Riproduzione riservata
Commenti