Commenta

Rotary Club Crema:
molti riconoscimenti per i
service dell'anno 2016/2017

Il Rotary Club Crema ha fatto man bassa di attestati e riconoscimenti riferiti all’attività svolta durante l’anno rotariano 2016/2017. I premi sono stati consegnati dal past governatore Angelo Pari in occasione del seminario sull’azione professionale svoltosi a Cremona e ritirati dal past presidente 206/2017, Renato Crotti.
L’Attestato Presidenziale, concesso dal presidente internazionale John Germ ai presidenti di Club che hanno realizzato durante il loro mandato tutti i 25 obiettivi indicati, è stato consegnato a Renato Crotti, che ha guidato il Rotary Crema lo scorso anno, per aver “aumentato l’effettivo soci del club; sviluppato progetti e service di notevole portata e forte impatto coinvolgendo i propri soci; attivato una significativa rete di collaborazione pubbliche e private; migliorato la consapevolezza del Rotary nella Comunità raggiungendo una eccezionale qualità dell’azione rotariana”.
“Questo premio gratifica per l’intenso lavoro svolto con l’intero Consiglio Direttivo che ci ha permesso di realizzare progetti che a prima vista parevano eccessivamente ambiziosi” ha commentato Renato Crotti, “penso alla “Palestra all’aperto”, alla nuova sala espositiva “Giulio Canger” presso il Museo, al service congiunto con altri Club del Gerundo a favore della parrocchia di Aleppo, in Siria, alla rassegna di incontri realizzata con la Diocesi sulla figura di Lodovico Benvenuti, al recupero e dono delle campane a Norcia e molto altro. Al contempo è la dimostrazione delle enormi potenzialità dei nostri Soci, del prestigio di cui gode il Club e la conferma che con amicizia, tenacia e voglia di fare si possono realizzare grandi progetti. Un grazie in particolare al vicepresidente Luigi Aschedamini, al Tesoriere Fabio Patrini e al Segretario Angelo Sacchi, che hanno svolto in modo ammirevole una enorme mole di lavoro”.
Elemento di ulteriore oroglio per tutti i soci del “Crema” è stata la consegna del “Foundation Giving Club”, conferito ai Rotary che raggiungono una media di 100 dollari di donazioni pro capite e 100 per cento di partecipazione dei soci, a favore di specifici progetti di valenza internazionale: lo scorso anno il Rotary Crema aveva infatti deciso, su proposta del Consiglio Direttivo, di aderire e contribuire a sostenere i “Progetti del Centenario” realizzati nel mondo in occasione dei 100 anni della Rotary Foundation. E ancora, “Every Rotarian every year Club” assegnato ai club che raggiungono una quota contributiva pro capite di 100 dollari durante l’anno rotariano e in cui tutti i soci paganti effettuano una donazione personale di almeno 25 dollari a favore del Fondo per debellare nel mondo la Poliomelite, ossia il progetto “Polio Plus”, a cui il Crema dedicò una speciale serata di raccolta fondi.

© Riproduzione riservata
Commenti