Commenta

'Benignitas Terrae': un convegno
per conoscere da vicino
il settore agro-alimentare

Da sinistra Ferrajoli, Bonaldi, Auricchio

Un’opportunità per conoscere più da vicino la normativa che regola la sicurezza nel settore agro-alimentare. E’ questo l’obiettivo del convegno “Benignitas Terrae” che si terrà giovedì 19 ottobre in sala Pietro Da Cemmo dalle 16, organizzato dalla Camera di Commercio di Cremona in collaborazione con lo studio Ferrajoli e il patrocinio del Comune di Crema.

Un momento di confronto e, soprattutto, informazione che andrà a toccare uno dei settori fondamentali dell’economia lombardia e cremasca: “L’agro-alimentare è un punto di forza di questo territorio – ha detto il presidente della Camera di Commercio cremonese Giandomenico Auricchio – I prodotti italiani sono un’eccellenza anche in materia di sicurezza”. E i numeri danno ragione all’industriale: l’agro-alimentare fattura 135.000.000.000 in tutto il Paese di cui 4 miliardi vengono investiti per controlli e sicurezza, per la quale operano 30.000 persone. “Ma ancora non è sufficiente, specie alla luce di normative complicate e che si intrecciano tra nazionali ed europee”. Per questo “è importante informarsi e affidarsi a professionisti che sappiano indirizzare i produttori”.

Di questo si occupa lo studio Ferrajoli, “supportare le imprese, offrire consulenza legale e strategica – ha spiegato Luigi Ferrajoli – soprattutto contro le insidie della contraffazione”. Un fenomeno, questo, che purtroppo è in crescita e dal quale i produttori italiani devono imparare a difendersi.

Lo scopo del convegno è dunque quello di riflettere per fare il punto sul perimetro tecnico normativo. Si parlerà inoltre di incentivi economici europei, strumenti che possano regolare lo sviluppo di un’azienda e le modalità con cui i consorzi devono compiere la mission istituzionale. “Un’opportunità che viene offerta al territorio – ha concluso il sindaco Stefania Bonaldi – per marcare ancora di più la peculiarità del Distretto Agro-Urbano della Bellezza”.

Ambra Bellandi

 

© Riproduzione riservata
Commenti