Cronaca
Commenta

Atti vandalici e risse, identificati i responsabili: tre denunciati

In questi giorni, i responsabili dell’Ufficio Controllo del Territorio del Commissariato di Crema sono riusciti a ricostruire le dinamiche dei fatti di sabato scorso, anche attraverso la visione dei filmati di alcune videocamere presenti in zona, e a dare un nome a tutti i responsabili delle risse e degli atti vandalici verificatisi.

Il primo episodio era avvenuto sabato scorso alle due meno venti di notte fra alcuni avventori, due in particolare, di due locali del centro: il bar Bellavista ed il vicino kebab. Oggetto del contendere era stata l’appropriazione di alcuni sgabelli del primo locale da parte di alcuni avventori del secondo.

A seguito delle rimostranze della titolare del locale, sostenuta verbalmente da alcuni clienti seduti all’esterno dello stesso, uno dei responsabili dell’appropriazione degli sgabelli si è improvvisamente alzato ed ha lanciato con un gesto di stizza quello su cui era seduto, in direzione di uno dei clienti che stavano sostenendo le ragioni della titolare del bar “Bellavista”, colpendolo – forse accidentalmente – in pieno volto.

Dopo essersi ripreso dal colpo, il ragazzo colpito dallo sgabello si è rialzato confuso e spaventato, scappando in direzione di piazza Garibaldi, venendo inseguito dal ragazzo che l’aveva colpito e da un suo amico che tuttavia, dopo pochi passi, hanno desistito dall’inseguimento e si sono allontanati. Immediato l’arrivo degli uomini della Polizia di Stato e dei sanitari che hanno curato sul posto il ragazzo che sanguinava vistosamente dal naso, fratturatosi a causa dell’urto con lo sgabello.

Al termine delle indagini, acquisita anche la querela della parte offesa, sono stati identificati tutti i soggetti coinvolti nella lite, per la quale è stato denunciato per lesioni aggravate un trentenne residente nel cremasco.

Nel secondo episodio invece, avvenuto verso le successive tre della mattina, due ragazzi  avevano preso una bicicletta parcheggiata sul retro del bar “Verdi”, scagliandola contro le altre biciclette parcheggiate nella rastrelliera. Alcuni avventori del bar, fra i quali il proprietario dela bici stessa, si sono alzati e si sono avvicinati per chiedere conto del gesto. Affrontati in maniera minacciosa dai due, che li hanno spintonati in modo aggressivo, e dai loro amici nel frattempo sopraggiunti, appartenenti ad un gruppo di una cinquantina di ragazzi provenienti dal lodigiano ed arrivati in Crema a  bordo di un autobus per partecipare ad un evento presso una discoteca della zona, hanno richiesto l’intervento della Polizia di Stato.

Gli agenti, una volta arrivati sul posto, hanno identificato alcuni dei ragazzi, fra i quali il responsabile del danneggiamento della bici nonché il conducente dell’autobus. Al termine degli accertamenti, ed a seguito delle querele sporte da due proprietari delle biciclette, sono stati denunciati in stato di libertà in concorso fra loro due cittadini nordafricani di diciassette e ventuno anni, residenti nel lodigiano, per i reati di percosse e danneggiamento. Fortunatamente a seguito di questo episodio non risulta che si sia fatto male nessuno.

© Riproduzione riservata
Commenti