Commenta

Inseguito, insultato e percosso:
aggressione nei confronti
del barista dell'Arci di Ombriano

“Un’aggressione fascista”: così i vertici dell’Arci di Ombriano definiscono l’episodio verificatosi nella notte tra lunedì e martedì, tra l’una e mezza e le due, in paese, ai danni del barista del circolo.

Gli aggressori, che secondo il racconto della vittima, sarebbero due individui su una macchina grigia, hanno atteso l’orario di chiusura e hanno aspettato che i soci lasciassero il circolo. “A quel punto hanno inseguito il barista imboccando via Renzo da Ceri nel senso opposto e affiancando il volontario che rientrava verso casa” racconta l’Arci in un comunicato. Uno dei due è quindi sceso dall’auto e ha colpito più volte al volto l’uomo, “mentre lo insultava per la sua militanza antifascista” scrivono ancora dall’Arci.

Quindi l’aggressore è risalito in macchina, dandosi alla fuga. “Il nostro compagno sta bene” comunicano ancora i vertici del circolo. “Ma il fatto è grave per due motivi: l’aggressione era premeditata, mirata e codarda (in pieno stile fascista). Il compagno dell’arci è stato seguito e aggredito quando i due avevano la certezza di essere soli. Inoltre l’aggressione non colpisce solo un socio del circolo, ma tenta di colpire e intimidire un punto di riferimento per i giovani, le organizzazioni di sinistra e gli antirazzisti di tutto il cremasco.

L’aggressione è avvenuta il giorno dopo l’attentato nazista di Charlottesville e si inserisce in un clima in cui la Lega nord soffia sul fuoco del razzismo e si allea con organizzazione neonaziste e in cui il partito di governo stringe accordi col governo libico per internare i migranti ed impedirgli di raggiungere l’Europa. Un clima in cui idee e metodi del fascismo vengono tollerati come un opinione, quando in realtà sono uno strumento per reprimere chi si oppone alle politiche della classe dominante. Di certo non ci faremo intimidire”. A questo proposito, per mercoledì 16 agosto alle 21.30 è stata indetta un’assemblea pubblica antifascista all’Arci ombriano.

© Riproduzione riservata
Commenti