Commenta

Se vince Bonaldi, Gennuso
assessore Welfare: 'Famiglia,
sociale e giovani al centro'

Gennuso, Bonaldi, Beretta

“Se dovessi essere rieletta sindaco l’assessorato al Welfare, Politiche Giovanili e Famiglia sarà in capo a Michele Gennuso“. Lo ha annunciato oggi pomeriggio Stefania Bonaldi, confermando le voci circolavano nei giorni scorsi.

La candidata sindaco ha dato appuntamento ai giornalisti davanti alla casa “Mamma-bimbo” al Parco Chiappa; “un luogo non casuale, inaugurato 3 anni fa per dare aiuto e sostegno alle mamme con figli che si trovano in condizioni di fragilità”. Un lavoro svolto fianco a fianco con l’assessore al Welfare e vice sindaco uscente Angela Maria Beretta, che si è ricandidata a sostegno di Stefania ma che, per motivi famigliari, aveva annunciato la propria rinuncia all’assessorato, ma che teneva a “dare continuità a quanto fatto insieme”.

Gennuso dal canto suo, ha ringraziato per “la stima e la fiducia, che in questi mesi di lavoro insieme è cresciuta molto anche da parte mia”. Neurologo del Maggiore da 12 anni, padre di 4 figli, per 8 anni è stato presidente del consultorio diocesano, carica dalla quale si è dimesso non appena deciso di scendere in politica. Un’opportunità di “passaggio di testimone” come lo ha definito la Beretta ad una persona che “condivide le idee basilari che abbiamo portato avanti”.

Il neurologo pare avere le idee ben chiare sui tema che necessitano “occhio e cuore particolare, perché le fragilità non sono vuoti a perdere, ma sono risorse”. Potenziamento di quanto già in campo, specie per il tavolo alla disabilità per quanto riguarda i servizi sociali, famiglia con ‘E’ nata una mamma’ che vuole fornire alle neomamme incentivi e agevolazioni; e, infine, i giovani, che “vanno sì lasciati liberi di esprimersi, ma va fatta crescere in loro la consapevolezza della cittadinanza attiva, che può essere esercitata attraverso la Consulta dei Giovani”.

 

“Da un lato c’è un candidato che stringe la mano a un politico ancora sotto processo, indagato e interdetto dai pubblici uffici. Dall’altro un’Amministrazione che va alla ricerca di competenze: Michele non è una caricatura, ma una persona reale con volontà e passione che si mette al servizio della città”, ha chiosato la Bonaldi.
rc

© Riproduzione riservata
Commenti