Commenta

Elezioni, Bettenzoli risponde
all'attacco grillino alla Aiello:
'Usano la bugia come arma'

“I grillini pensano che continuando a dire falsità, prima o poi le menzogne vengano assunte come verità. Non sono nuovi ad utilizzare la calunnia come arma”. E’ dura la replica del segretario del Prc Beppe Bettenzoli all’attacco che il Movimento 5 Stelle ha sferrato ieri alla candidata sindaco Mimma Aiello, indicandola come candidata i Rifondazione. “Un attacco privo di fondamenti, una polemica sterile, inventata totalmente”.
Rifondazione comunista, ricorda Bettenzoli, ha scelto di non presentarsi alle amministrative con la coalizione di centrosinistra in dissenso sulla vicenda del bilancio partecipativo e sulla svendita delle aziende pubbliche, “ma non ci siamo mai nascosti dietro una civica, abbiamo sempre dichiarato che volevamo lavorare alla costruzione di una lista di sinistra”. Il segretario e candidato a consigliere comunale, poi, sottolinea che “Mimma agisce in piena autonomia, nel rispetto di un programma largamente dibattuto e condiviso”.
Bettenzoli non ci sta a sentire dire che il bilancio partecipativo è stato approvato due anni fa dal Consiglio, “ma mai attuato dalla Commissione Statuto e Regolamento che aveva presidenza, guarda un po’, di Rifondazione Comunista”. “La Commissione Statuto e Regolamenti, presieduta dal consigliere Sebastiano Guerini, si è riunita varie volte tra il dicembre 2015 e l’aprile 2016, elaborando una bozza di regolamento che, su proposta del consigliere Simone Beretta, è stata demandata all’attenzione della Conferenza dei capigruppo. Alla riunione era presente il consigliere Christian Di Feo, dei 5 stelle, che non mi risulta essersi opposto alla proposta di Beretta. Questa è la verità e i documenti ufficiali del Comune di Crema possono testimoniare quanto scritto in questo comunicato, le bugie hanno le gambe corte, ma il naso e le orecchie assai lunghe”.
“Nessun opportunismo, cari grillini, coerenza e scelta di battersi per i propri valori e per la difesa dei beni comuni”, ha concluso Bettenzoli.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti