Commenta

'Variabili Femminili', incontro
a C.Vaprio con Barbara
Enrichi per festa Donna

In occasione della Festa della Donna, SpinOff Film Festival organizza per Domenica 12 Marzo, alle 15.30 presso la Sala Polifunzionale Chiesa Vecchia di piazza Marconi a Casaletto Vaprio, la proiezione di “Variabili Femminili. Di madre in figlia, storie di donne in tre generazioni”, documentario realizzato da Barbara Enrichi, attrice vincitrice del Premio David di Donatello per il film “Il Ciclone” di Leonardo Pieraccioni, nel quale interpretava il ruolo di Selvaggia, qui in veste di regista.

L’attrice sarà a Casaletto per presentare il documentario che raccoglie alcune testimonianze significative di tre generazioni di donne che vivono nel territorio di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d’Elsa, in provincia di Firenze, cogliendo le differenze dello stile di vita tra madre e figlia e tra diverse generazioni attraverso interviste a donne nate nei primi anni del Novecento, alle loro figlie e alle nipoti nate nel nuovo millennio su tematiche riguardanti il lavoro, la famiglia, la vita sociale. Il risultato è uno spaccato dei cambiamenti avvenuti nella condizione femminile nel corso di un secolo, che offre spunti di riflessione e approfondimento storico e sociale sulla vita dei nostri paesi e delle famiglie.

A seguire, le partecipanti al concorso poetico organizzato dall’Associazione Culturale Stefano Pavesi leggeranno alcune delle loro poesie, per una giornata interamente dedicata alla Cultura e alla sensibilità femminile. “Siamo felici di avere la possibilità di proiettare il documentario ‘Variabili Femminili’ a Casaletto, alla presenza di Barbara Enrichi, regista e premiata attrice di cinema – dicono gli organizzatori – Soprattutto in occasione di una delle ricorrenze più sentite a livello sociale, e purtroppo ancora molto disattesa, come dimostrano gli ormai quotidiani fatti di cronaca”. L’attrice torna a Casaletto Vaprio per la seconda volta, dopo la sua partecipazione alla quinta edizione dello SpinOff Film Festival, nell’ottobre 2015. “Nell’incontro che facemmo durante il festival, Barbara ci raccontò di questo documentario e di come aveva seguito il cambiamento di Tavarnelle Val di Pesa, suo paese natale e delle famiglie che vi vivono attraverso i racconti e gli occhi delle donne che aveva intervistato. Ci è sembrata subito un’ottima opportunità proporlo a Casaletto ed avere lei in sala a raccontarlo di persona, anche come testimonianza di una donna che è riuscita a raggiungere i massimi livelli del cinema italiano, ambiente prettamente maschile”.

Sarà inoltre l’occasione per incontrare dal vivo una delle attrici più apprezzate del Cinema di casa nostra, che oltre che con Pieraccioni ha lavorato, tra gli altri, con Alessandro Benvenuti, Christian De Sica e Giovanni Veronesi. La giornata, organizzata in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Casaletto Vaprio, prevede inoltre la distribuzione del volantino “Le Donne di Casaletto Vaprio”, costruito con le foto delle Donne del paese. “A seguito dell’apprezzamento della mostra realizzata da Adele Serina lo scorso anno e del filmato composto dalle foto delle Donne casalettesi, abbiamo pensato di proporre la versione cartacea di quei volti, alcuni dei quali non ci sono più: una testimonianza della loro vita fermata per un attimo e riproposta oggi per questa Festa della Donna che vuole coinvolgere quante più arti possibili”.

Cinema, Poesia e Fotografia: tre arti che trovano nelle Donne di tutti i giorni le loro migliori interpreti e grazie alle quali il mondo è un posto migliore. Appuntamento quindi per Domenica 12 Marzo, dalle 15.30, presso la Chiesa Vecchia di Casaletto Vaprio in Piazza Marconi. Ingresso gratuito.

© Riproduzione riservata
Commenti