Commenta

Qualità dell’aria, firmata
l’ordinanza per contrastare
l’inquinamento

Ratificata dal Comune di Crema l’ordinanza per contrastare l’inquinamento e ridurre i livelli di PM10. Le misure entreranno in vigore a partire dal 27 gennaio su tutto il territorio e lo resteranno fino all’abbassamento della soglia di PM10 al di sotto dei 50 microgrammi/m3, per due giorni consecutivi.
“Anche il comune di Crema ha aderito al protocollo anti-smog siglato tra Regione Lombardia e Anci – commenta l’assessore all’ambiente Matteo Piloni – Un protocollo certamente non risolutivo del gravoso problema che, ricordiamo, coinvolge l’intera pianura padana. Ma è comunque uno strumento che prova a non lasciare soli i comuni nel mettere in campo azioni di contrasto più ampie, come auspicato anche da noi a più riprese. L’attenzione all’ambiente e alla salute è fondamentale e, nonostante ci sia ancora molto da fare, le limitazioni previste vanno nella direzione di affrontare il problema e tutelare la salute dei cittadini. Un’ordinanza che tuttavia segue alcune iniziative che l’amministrazione ha già preso in campo ambientale, a partire dai percorsi ciclo-pedonali realizzati in questi anni per migliorare la mobilità sostenibile”.

Su tutto il territorio del Comune di Crema, dal 27 gennaio 2017, verificato il superamento del limite giornaliero di PM10 di 50 microgrammi/m3 per sette giorni consecutivi, a partire dal giorno successivo (9° giorno dal primo superamento) dall’acquisizione ufficiale del dato regionale come meglio specificato in premessa (8° giorno), l’entrata in vigore le seguenti misure definite di 1°livello:

Applicazione delle limitazioni all’utilizzo dei veicoli Euro 0 benzina e Euro 0, 1 e 2 diesel di cui alla DGR n. 7635 dell’11 luglio 2008 e alla DGR n. 2578 del 31 ottobre 2014. In aggiunta ai suddetti divieti, verranno applicate le seguenti misure:

a.1) per tutte le tipologie di veicoli già limitate in modo strutturale dalle DD.G.R. n. 7635/08 e n. 2578/14 dalle 7.30 alle 19.30 nelle giornate dal lunedì al venerdì, escluse quelle festive infrasettimanali, il divieto di circolazione è esteso alle giornate di sabato, domenica e festive infrasettimanali, dalle ore 7.30 alle ore 19.30.
Sono mantenute le stesse deroghe ed esclusioni previste dalle limitazioni strutturali invernali di cui alla D.G.R. 2578/14;

a.2) divieto di circolazione agli autoveicoli diesel Euro 3 non dotati di sistemi di riduzione della massa di particolato allo scarico in grado di garantire un valore di emissione del particolato almeno pari al limite fissato per lo standard Euro 4 nelle seguenti fasce orarie:

autoveicoli per il trasporto persone dalle ore 09.00 alle ore 17.00
autoveicoli per il trasporto cose dalle ore 07.30 alle 09.30

Sono mantenute le stesse deroghe ed esclusioni previste dalle limitazioni strutturali invernali di cui alla D.G.R. 2578/14 con l’aggiunta dei veicoli speciali definiti dall’art. 54 lett. f), g) e n) del Decreto Legislativo 30 aprile 1992 n° 285 e s.m.i. “Nuovo Codice della Strada”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti