Cronaca
Commenta

Poste, fondi immobiliari e tutela dei risparmiatori: interpellanza

Franco Bordo, Deputato di Sinistra Italiana, ha inviato, con gli onorevoli Paglia e Folino, un’interpellanza urgente al Ministro dell’Economia e delle Finanze e al Ministro dello Sviluppo Economico dopo l’inchiesta con cui La Repubblica ha recentemente svelato le drammatiche performance di quattro fondi immobiliari le cui quote sono state collocate, una decina di anni fa, nei 13 mila uffici del gruppo Poste Italiane, all’epoca della gestione di Massimo Sarmi.

Secondo quanto emerge dalla stampa, si tratta dei fondi Invest Real Security, Obelisco, Europa Immobiliare 1 e Alpha, collocati da Poste tra il 2002 e il 2007. Ai tempi furono piazzati con quote da 200 a 500 euro l’una, un importo non elevato e dunque appetibile per la clientela tipo delle Poste italiane. Nel complesso – a quanto risulta dalla stampa – furono raccolti 850 milioni di euro per 340 mila quote. In merito alla vicenda, il Codacons ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma chiedendo di aprire un’indagine sul caso. In particolare si chiede alla magistratura di fare chiarezza sulle informazioni rese da Poste ai risparmiatori, con riferimento al carattere rischioso dell’investimento.

Bordo, Paglia e Folino chiedono se il Ministero intenda fornire un quadro informativo dettagliato che quantifichi il valore complessivo delle perdite finanziarie subite dai soggetti risparmiatori partecipanti, con particolare riferimento al numero dei singoli piccoli risparmiatori colpiti. “Si ritiene che Poste abbia adempiuto con correttezza e diligenza agli obblighi informativi verso i risparmiatori coinvolti nelle operazioni finanziarie di cui si è detto? Quali interventi a tutela dei risparmiatori coinvolti il Governo intende attivare?”, concludono i parlamentari.

© Riproduzione riservata
Commenti