Cronaca
Commenta

Offanengo, arrestato marocchino. Spacciava hashish ai giardini

Arrestato un nordafricano che spacciava droga ad alcuni ragazzi di Offanengo.

I carabinieri erano venuti a conoscenza del traffico alcune settimane fa ed hanno così iniziato a tenere monitorata la zona dei giardini pubblici. I militari hanno notato che, effettivamente, verso sera un giovane marocchino si sedeva su una panchina e riceveva continuamente le visite di alcuni ragazzi che si intrattenevano per alcuni minuti, per poi allontanarsi rapidamente.

Dati i fatti, i carabinieri hanno deciso di intervenire, nel pomeriggio di sabato, bloccando il marocchino in cui possesso sono stati trovati 5 ovuli termosaldati contenenti complessivamente 53 grammi di hashish. Il 20 enne, celibe, studente, incensurato e regolare in Italia, è stato dichiarato in stato di arresto per spaccio di droga mentre il 18 enne italiano, anch’egli di Offanengo e incensurato, è stato denunciato per detenzione illegale di stupefacente.

L’arrestato è stato trattenuto in caserma fino a questa mattina, quando è stato accompagnato a Cremona per il processo in direttissima.

“Si rappresenta che solitamente l’hashish viene rinvenuto in panetti mentre i sequestri di ovuli sono poco frequenti in quanto trasportati dai cosiddetti ovulatori, ingeriti con del carbone attivo per limitare l’azione dei succhi gastrici ed espulsi per defecazione – ha spiegato il Maggiore Giancarlo Carraro – Si tratta di droghe dal principio attivo molto più elevato e quindi di maggior pregio e qualità e molto ricercati nel mondo della tossicodipendenza. Talvolta gli ovulatori sono donne in stato di gravidanza che riescono così ad eludere i controlli agli aeroporti a causa del loro stato ‘interessante'”.

ab

© Riproduzione riservata
Commenti