Commenta

SpinOff Film Festival: un
successo. Cortometraggi
da Italia, Iran e Australia

I vincitori e, a destra, l'ideatore della manifestazione Samuele Zenone

Si è svolta lo scorso weekend la sesta edizione dello SpinOff Film Festival, concorso dedicato ai cortometraggi amatoriali patrocinato dal comune di Casaletto Vaprio.

La manifestazione, che si è tenuta sabato mattina presso la multisala Portanova e, successivamente, presso la sala polifunzionale Chiesa Vecchia di Casaletto Vaprio, ha visto la competizione di una trentina di corti su un totale di settanta arrivati all’organizzazione. Corti che, come già detto, sono stati proiettati nella sala cinematografica cremasca, grazie al prezioso contributo del direttore Mauro Granata, del prof. Ugo Belloli e dell’organizzazione di Adele Serina e Samuele Zenone alla presenza di alcune classi del liceo artistico, le quali hanno poi seguito l’interessante incontro tenuto dal disegnatore Disney Gianfranco Florio, il quale ha illustrato i passaggi che portano alla realizzazione dei film di animazione. Gli studenti si sono poi lanciati in domande riguardanti il lavoro del disegnatore con particolare attenzione al percorso formativo e professionale dell’ospite.

Sabato sera, a Casaletto Vaprio, il duo Hermeneia si è cimentato con la sonorizzazione di un film muto di Jean Cocteau riportando così il pubblico presente in sala alle origini della settima arte, quando i film venivano musicati in diretta da un musicista. Domenica pomeriggio, giornata ricca di appuntamenti. Ad aprire la giornata finale della manifestazione un laboratorio di disegno, sempre curato da Gianfranco Florio, nel quale i bambini (ma non solo) hanno imparato a disegnare i loro personaggi preferiti partendo da dei semplici cerchi o linee rette.

Successivamente, è stata inaugurata la mostra “Le notti casalettesi del Dottor Fulci” che chiuderà i battenti domenica 16 ottobre, esposizione di tavole di fumettisti di fama nazionale ed internazionale ispirata alle opere de regista Lucio Fulci, del quale ricorre il ventennale della scomparsa proprio quest’anno.

A termine della giornata festivaliera, la proiezione dei cortometraggi vincitori, articolati nelle due categorie “spot” e “narrativi”. Alla presenza degli autori, del pubblico e delle autorità, sono stati premiati lo spot “POLVERGEIST” del regista parmense Ettore Di Gennaro e realizzato dall’associazione culturale 3Dproductions, storia di un particolare esorcista dedito a liberare le case dalla presenza soprannaturale della polvere, mentre ha ricevuto la menzione speciale per il miglior soggetto il cortometraggio “MIRROR” di Daniele Barbiero, che pone un interessante interrogativo: siamo veramente noi quelli riflessi negli specchi? Vincitore della sezione amatoriale dello SpinOff Film Festival 2016 il cortometraggio “STANZA 8” di Mattia Riccio, il quale affronta il delicato tema dell’integrazione all’interno della sala d’attesa di un ospedale, tema quanto mai attuale nel nostro Paese in questi tempi. A seguire, la consegna dei premi, delle targhette e degli attestati ai vincitori con l’appuntamento rinnovato per il prossimo anno.

Da ricordare che i registi in gara hanno partecipato da tutta la penisola, dall’Iran, Australia, Spagna. E’ un festival ormai internazionale, porta il nome del paese cremasco nel mondo e sta diventando una buona finestra turistica.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti