Commenta

Protezione civile, Croce rossa e
Caritas invitano a un aiuto
più organizzato e responsabile

Croce rossa, Protezione civile e Caritas sono presenti fin dalle prime ore nei luoghi colpiti dal terremoto che ha devastato il centro Italia.

La Croce Rossa di Crema, la Protezione Civile “Lo Sparviere” e la Caritas diocesana stanno rilevando una positiva e crescente generosità nel territorio Cremasco che, però, rischia di diventare un intralcio se non coordinata.

“Vorrei ricordare a tutti che questa emergenza è un emergenza lunga, non può e non deve trasformarsi in una corsa al chi fa di più, al chi dona o al primeggiare mediaticamente – ha spiegato il presidente del gruppo di Protezione civile di Crema Giovanni Mussi – Nelle prossime settimane, quando i mass media diminuiranno le attenzioni sull’accaduto e ci si dimenticherà dell’emergenza, allora quello sarà il momento di entrare in campo, perché quelle popolazioni avranno continuo bisogno di sostegno e aiuto, inoltre saranno le autorità competenti a chiedere il materiale in carenza. Questo anche per un rispetto delle persone che donano, per non far sprecare il materiale donato con tanto cuore e solidarietà. Se sarà necessario si partirà con le raccolte mirate e informiamo tutti che siamo già pronti e le locazioni presso il comune di crema sono già state concesse per poter iniziare da subito le taccole all’occorrenza”

In questo momento non sono dunque necessarie raccolte viveri, di vestiti o di generi di prima necessità, come non è necessaria la presenza di nuovi volontari. La gestione dell’emergenza è molto delicata e occorre essere molto attenti a non intralciarla con iniziative personali e non coordinate.

“La prima fase dell’emergenza è quella dedicata ai bisogni sanitari, ai soccorsi, al supporto psicologico, all’estrazione delle vittime dalle macerie, alla costruzione dei campi di accoglienza. A questa fase seguiranno altri momenti dove i bisogni cambieranno e, nel caso, saremo pronti a farci promotori di iniziative Cremasche a sostegno dei terremotati”.

“Invitiamo tutti i cittadini che volessero sostenere questa emergenza ad affidarsi a organizzazioni che garantiscano la reale finalizzazione dei beni e dei fondi raccolti con tanta generosità sul territorio Cremasco”.

Protezione Civile SMS-solidale 45500   www.lo-sparviere.it 

www.cri.it IBAN IT38R0760103000000000900050
Causale “TERREMOTO CENTRO ITALIA”

www.caritascrema.it IBAN IT05K0335901600100000128448
Causale “TERREMOTO CENTRO ITALIA”

© Riproduzione riservata
Commenti