Commenta

Vicenda Alviani:
l'Amministrazione
risponde alle polemiche

L’Amministrazione comunale risponde in merito alla vicenda di Alviani, addetto stampa del Comune di Cremona. “Vorremmo rassicurare coloro che hanno seguito la vicenda delle dimissioni dell’addetto stampa del Comune di Crema, dott. Giancarlo Alviani, che tutto è perfettamente sotto controllo e gestito con la massima correttezza” fanno sapere dall’amministrazione.

“Il dott. Alviani ha ricevuto proposta per un incarico dirigenziale presso il Comune di Zibello Polesine, opportunità che ogni persona di buon senso, amministratori di Crema inclusi, gli ha suggerito di cogliere al volo. In questo modo, abitando nelle vicinanze, non avrà il disagio del viaggio quotidiano a Crema e arricchirà il suo CV con un incarico di prestigio (a Crema, pur con un ruolo significativo, aveva un inquadramento part time impiegatizio)”.

Alviani ha dato le dimissioni in Comune a Crema in data 31 luglio, registrate il primo agosto. “A oggi non è più dipendente né ha alcun tipo di contratto con questo Ente” evidenzia ancora l’amministrazione di Crema. “Il doppio incarico è solo nelle fantasie di chi vuole sempre sollevare polemiche ad arte, alzando polverone e sparando nel mucchio per screditare l’Amministrazione e la struttura comunale, il cui operato è stato impeccabile nella gestione della vicenda”.

Il sindaco – continua la nota del Comune – valuterà nei prossimi giorni se avvalersi del dott. Alviani per una prestazione “ponte”, “nelle forme consentite dalla normazione in materia di Pubblico Impiego,  in attesa della sostituzione, o se reclutare immediatamente un nuovo addetto stampa, augurandosi che, chiunque sia, possa dedicarsi a comunicare ai cittadini l’operato dell’amministrazione e non debba perdere tempo a smentire le lucciole per lanterne in cui troppo spesso inciampano coloro che confondono il ruolo di controllo e garanzia con quello di polemica sempre e comunque, senza mai affrontare il merito e la sostanza dei problemi”.

L’Amministrazione Comunale di Crema

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti