Commenta

Tenta prelievo all'ufficio
postale con documenti falsi
Arrestato e condannato

Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e violazione delle norme antiriciclaggio su carte di credito. Con queste accuse, i carabinieri di Romanengo hanno arrestato un romeno di 43 anni residente a Covo, in provincia di Bergamo.

Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e violazione delle norme antiriciclaggio su carte di credito. Con queste accuse, nella tarda mattinata di ieri, i carabinieri di Romanengo hanno arrestato un romeno di 43 anni residente a Covo, in provincia di Bergamo, disoccupato ed incensurato. Alle 10,30 della mattina l’uomo era entrato nell’ufficio postale di Sergnano per effettuare indebite operazioni di prelievo di una somma di denaro utilizzando una carta d’identità romena con la propria foto e una carta di credito ‘Postepay evolution’, entrambe intestate con una falsa identità. Fortunatamente il 43enne non è riuscito nel suo intento perché bloccato dall’equipaggio dei carabinieri. Il documento e il titolo di credito falsificati sono stati sequestrati. Processato questa mattina per direttissima, il romeno è stato condannato a un anno e 5 mesi di reclusione, pena sospesa. Al termine del processo è tornato in libertà.

© Riproduzione riservata
Commenti