Commenta

Pugno alla negoziante e via
l'incasso. Preso rapinatore,
è un profugo nigeriano

L'uomo si era introdotto all’interno di un negozio di abbigliamento gestito da una connazionale di 40 anni in piazza Istria e Dalmazia, pretendendo un aiuto economico. Al rifiuto della negoziante, il malvivente l’ha spintonata violentemente, colpendola al volto con un pugno.

Rapina e lesioni personali: con queste accuse, D.P., 22 anni, profugo nigeriano senza fissa dimora, è stato arrestato oggi pomeriggio dai carabinieri di Crema. Alle 12,30 di questa mattina l’uomo si era introdotto all’interno di un negozio di abbigliamento gestito da una connazionale di 40 anni in piazza Istria e Dalmazia, pretendendo un aiuto economico. Al rifiuto della negoziante, il malvivente l’ha spintonata violentemente, colpendola al volto con un pugno per poi impossessarsi di 170 euro prelevati dal registratore di cassa. La vittima ha reagito, e nel frattempo in suo aiuto è accorso un cliente occasionale del negozio, anch’egli nigeriano ospitato presso una struttura di Crema. Entrambi hanno cercato di bloccare il rapinatore, che però, per garantirsi la fuga, ha innescato una nuova colluttazione, riuscendo a guadagnare l’uscita del negozio. Qui è stato bloccato da un equipaggio del Radiomobile. L’uomo è stato condotto in caserma e la refurtiva è stata restituita. La negoziante ha riportato lesioni a volto giudicate guaribili dai medici del 118 in cinque giorni. Al termine degli accertamenti, il nigeriano è stato accompagnato in carcere.

© Riproduzione riservata
Commenti