Commenta

Biblioteca di Crema,
nel 2015 prestiti
aumentati del 5,8%

Il servizio bibliotecario gode di ottima salute: nel 2015 è aumentato il numero di iscritti e quello dei prestiti. Le donne continuano ad essere le principali fruitrici del servizio, ma nell'ultimo anno hanno fatto progressi anche i maschi e, in generale, il mondo dei ragazzi.

Il miglior lettore della biblioteca di Crema nel 2015 ha raggiunto 249 prestiti, ovvero quasi 5 libri a settimana. Come lui – anche se forse non altrettanto voraci – sono in molti quelli che nel corso dello scorso anno si sono rivolti al servizio bibliotecario di Crema. Le statistiche stimano una media di 41 prestiti al giorno, per un totale di 75149 libri prestati in 12 mesi, ovvero il 5,8% in più dell’anno precedente.

AL FEMMINILE – Il servizio bibliotecario cremasco gode di ottima salute. Lo testimoniano i dati degli iscritti: nel 2015 gli utenti hanno raggiunto quota 17342, con un incremento di ben 536 iscritti. Si tratta per lo più di donne (58%), anche se in leggerissimo calo rispetto al 2014. Nel 2015 è cresciuta invece la componente straniera dell’utenza: con 58 nuovi iscritti è giunta a rappresentare il 3,5% del totale.

PRESTITI – Anche per quanto concerne il prestito di libri il genere femminile ha sbaragliato la concorrenza maschile: il 61% dei libri è stato richiesto da una donna, nel 71% dei casi adulta. Corre però l’obbligo di segnalare il grande passo in avanti del genere maschile: nel giro di 12 mesi i prestiti agli uomini sono aumentati dal 24,8% al 38,7%, a riprova di una maggiore fruizione del servizio. Anche la percentuale di prestiti ai ragazzi è aumentata, passando dal 28,3% del 2014 al 29,1% del 2015.

FRUITORI – I maggiori fruitori del servizio rimangono gli utenti tra i 36 e i 60 anni (34%), destinatari di un terzo dei prestiti totali. Seguono gli over 60 (23,5%), gli adulti tra i 19 e 35 anni (15,4%), i giovanissimi tra 7 e i 14 anni (13%), i bambini al di sotto dei 6 anni (11%) e infine i ragazzi tra i 15 e i 18 anni (4,2%). Nel 2015 è cresciuto il numero di prestiti ai bambini, agli utenti tra i 36 e i 60 anni e agli over 60; al contrario, sono diminuiti quelli alle fasce giovanili.

PREFERENZE – E in quanto a generi, cosa va per la maggiore in città? Le preferenze continuano ad essere nette: con il 44,7%, la narrativa risulta essere il genere di gran lunga più richiesto. Al secondo posto ci sono i libri di cucina, con il 5,9% delle preferenze, seguiti dai volumi sulla salute e sul benessere, con il 3,13%, e dalle guide ai viaggi, al 3,12%.

SODDISFAZIONE – Di risultati è molto soddisfatta Paola Vailati, assessore alla Cultura, che commenta: “è davvero motivo di soddisfazione leggere i dati statistici relativi alla frequenza e fruizione del servizio biblioteca della nostra città. Nonostante i tagli economici subiti, l’utenza vede accolte le proprie richieste e, già dai primi mesi di quest’anno, risulta essere in aumento. La passione per la lettura si traduce davvero in crescita, non solo personale, ma diviene ricaduta culturale e quindi risorsa importante per tutta la città”.

[Tutte le statistiche nel report 2015]

Stefano Zaninelli

© Riproduzione riservata
Commenti