Cronaca
Commenta

Dieci chili di cioccolato per festeggiare Pasqua a Tempera

L'uovo di pasqua dei Pantelù

Dopo un viaggio di poco meno di 600 chilometri l’uovo pasquale dei Pantelù è arrivato a Tempera, frazione aquilana colpita 7 anni fa dal terremoto. “Anche quest’anno grazie all’Ipercoop abbiamo potuto spedire un piccolo regalo pasquale – spiega Renato Stanghellini, leader dei Pantelù – un gesto non eclatante ma per noi molto importante”.

Mentre l’anno scorso i volontari cremaschi avevano donato l’uovo alla comunità-alloggio di San Giacomo, quest’anno è la volta dell’Associazione Tempera Onlus. “Dopo la realizzazione del palazzetto polifunzionale – aggiunge Stanghellini – questo dono è un’occasione in più per mantenere la nostra amicizia. È un gesto di solidarietà e fratellanza, che per noi significa continuare a starci vicini a vicenda”.
Quella dell’uovo è una tradizione che si celebra da anni, riproposta con allegra determinazione dal gruppo dei Pantelù. “Dopo la solidarietà rimane l’amicizia – chiosa Stanghellini – l’anno prossimo saranno loro, i ragazzi di Tempera, a venire a trovarci. La speranza è che questo legame, così come quello con Melun, possa durare nel tempo”.

© Riproduzione riservata
Commenti