Cronaca
Commenta

Furto allo Stanga,
carabinieri recuperano
8 pc trafugati

Nella foto, parte del la refurtiva recuperata.

Denunciato per ricettazione: questo il provvedimento preso nei confronti di I.L., cinquantacinquenne originario della Sicilia e residente a Casale Cremasco, dopo il ritrovamento all’interno del suo garage di 8 computer portatili di marca Acer sottratti nella notte tra mercoledì 17 e giovedì 18 febbraio in un laboratorio dell’istituto Stanga.

I FATTI – I carabinieri di Crema sono intervenuti per la prima volta giovedì scorso (18 febbraio), il giorno dopo il furto avvenuto presso l’istituto agrario. Sfruttando l’orario, i malviventi si sono insinuati nella scuola forzando una porta e, una volta giunti nel laboratorio di telematica, hanno sottratto una decina di computer e una stampante.

INDAGINI – A seguito delle rilevazioni effettuate presso l’istituto, il Nucleo operativo dell’Arma dei carabinieri è riuscito a risalire al cinquantacinquenne siciliano – già gravato da precedenti per reati contro il patrimonio – del quale emergeva la netta responsabilità. Il controllo presso l’abitazione non ha lasciato dubbi: il materiale sottratto è stato riconosciuto dal dirigente scolastico.

RESTITUZIONE – I carabinieri hanno dunque proceduto alla restituzione della refurtiva, del valore totale di 10 mila euro, all’istituto proprietario – materiale fondamentale sia per la didattica del corpo docente sia per le attività svolte dagli studenti – e al deferimento del siciliano. Grande la soddisfazione per il dirigente dell’istituto, che ha ringraziato calorosamente i militari dell’Arma per il lavoro svolto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti