Politica
Commenta

Comune di vetro,
6 determine sotto
la lente del M5S

Giunge al secondo appuntamento l’iniziativa Comune di vetro, con cui Movimento 5 Stelle cremasco intende sottolineare gli atti più significativi emanati dall’amministrazione. Sono 6 le determine messe sotto analisi, per un valore totale di 816.674 euro, quasi tutte accompagnate da brevissime note critiche; l’unica rimasta “vergine” è la determina che liquida 5.858 euro di gettoni di presenza a consiglieri comunali per 11 sedute di Consiglio, dove gli esponenti a 5 Stelle “hanno garantito oltre il 95% delle presenze”.

RIORGANIZZAZIONE – La prima delibera concerne l’affitto per alcuni uffici comunali. “Il Comune paga 20.653 euro di affitto a privati per la sede degli uffici di collocamento in viale De Gasperi. È l’affitto per l’1 semestre 2016. Abbiamo più volte chiesto al Comune di spostare l’ufficio presso il palazzo comunale, riorganizzando gli spazi, al fine di risparmiare le spese di affitto. Rimaniamo inascoltati, sebbene dopo le nostre denunce, il contratto sia stato ridiscusso con un risparmio del 15%”.

AFFIDI – Più delicate la seconda e la terza delibera analizzate: riguardano la liquidazione di 21.780 euro alla fondazione don Angelo Madeo (della Caritas cremasca) per l’accoglienza di 3 minori stranieri non accompagnati, e 8.190 euro all’associazione Il piccolo principe onlus di Bologna per l’accoglienza di un minore straniero non accompagnato. Il 5 Stelle chiede se “non ci fossero famiglie che con quella diaria (o minore) sarebbero disposte a prendersi in carico il bambino”; proposta che suscita perplessità, se non altro per la delicatezza che la gestione di casi come questi richiede.

AUTOVELOX – Molto criticata la determina 01676 del 31 dicembre 2015, rispetto all’attività dell’autovelox nell’ultimo trimestre 2015: 12.805 sanzioni elevate per un totale di 887 mila euro; al Comune arriveranno 523.495 euro. Questi soldi, secondo il M5S, “verranno utilizzati per tappare i vari buchi di bilancio, e per finanziare alcune opere stradali,come la rotatoria a Porta Ombriano. (evidentemente, ci avviciniamo alle elezioni, e non sapevano dove trovare altri soldi)”.

CALORE – Infine, l’appalto calore: alla Bosh Energy Solution il Comune liquida 525 mila euro per il riscaldamento delle scuole ed immobili comunali per l’anno 2015. “Questa cifra fa capire quanto sia importante da parte dell’Amministrazione Comunale curare tanto i contratti in essere, quanto l’efficientamento energetico delle strutture. Inoltre – concludono i 5 Stelle – non era possibile pagare bimestralmente le fatture pervenute invece che in una soluzione unica annuale? Che impatti ci sarebbero stati sul bilancio 2015?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti